Farmaci antiemetici: quali sono e quando si usano

I farmaci antiemetici sono impiegati per il trattamento del vomito e della nausea.

Farmaci antiemetici: cosa sono, a cosa servono e quando si prendono?

Antiemetico significa anti vomito e i farmaci antiemetici sono per l'appunto utilizzati nel trattamento del vomito. Il vomito non è un diturbo a sé ma un sintomo che può comparire nella manifestazione di molte patologie diverse. Il vomito può essere il sintomo di una enterite, di un'irritazione gastroenterica, ma anche un effetto collaterale della chemioterapia e di altri trattamenti farmacologici.

I farmaci antiemetici sono utilizzati in caso di gastroenterite, chemioterapia, porfiria, pancreatite, in gravidanza e in moltissime altre patologie. Ci sono molti tipi diversi di farmaci antiemetici, ecco una lista dei principali:



  • Antagonisti dopaminergici come la clorpromazina, l'aloperidolo, il droperidolo, la metoclopramide e il domperidone.

  • Antagonisti serotoninergici come l'ondansetron, il granisetron e il tropisetron.

  • Antistaminici come il dimenidrinato.

  • Antimuscarinici come la scopolamina.

  • Antagonisti dei recettori 5HT3 come il dolasetron e il granisetron.

  • Alcaloidi allucinogeni come la scopolamina.

  • Antiemetici naturali come lo zenzero.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail