Xilitolo: cos'è e quali sono le controindicazioni

Lo xilitolo è uno zucchero vegetale che si ricava dalla corteccia della betulla ed è presente nella frutta e nella verdura.

Lo xilitolo è un additivo alimentare, noto con il codice E967 e ampiamente usato, soprattutto nei chewing gum e nei dentifrici. Lo xilitolo è un dolcificante naturale alternativo allo zucchero bianco, o saccarosio e viene spesso consigliato per i suoi benefici dentali.

Lo xilitolo infatti blocca l’azione nociva dei batteri sullo lo smalto dei denti, contrasta il batterio responsabile della formazione della carie, protegge lo smalto dei denti, favorisce l’aumento della densità ossea, ha un apporto calorico inferiore del 40% rispetto allo zucchero, previene la formazione del batterio responsabile dell’otite.

Ma non è tutto oro quel che luccica: lo xilitolo ha anche delle controindicazioni:


  1. Lo xilitolo è altamente tossico per i cani: porta a ipoglicemia e danneggia il fegato

  2. I polialcoli dello xilitolo possono fermentare e provocare gonfiore, gas intestinale e diarrea

  3. Alcuni tipi di xilitolo prodotti dal mais potrebbero derivare da OGM e contenere sostanze tossiche

  4. Non fa dimagrire: sebbene sia meno calorico dello zucchero, sarebbe erroneo credere che possa far perdere peso di per sé

  5. Non sostituisce una corretta igiene dentale, benché abbia molti effetti benefici sui denti

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail