Lavanda gastrica: cos'è e quando viene fatta

La lavanda gastrica viene effettuata solitamente entro una o due ore al massimo dall'ingestione di sostanze tossiche.

La lavanda gastrica viene effettuata anche prima di alcuni interventi chirurgici.

La lavanda gastrica è nota da centinaia d'anni per essere un metodo efficace contro l'avvelenamento o l'intossicazione da sostanze che vengono ingerite. Si tratta infatti di un processo forzato di svuotamento dello stomaco che viene eseguito per mezzo di un tubo inserito in bocca o nel naso nel caso di pazienti agitati o non collaborativi.

La lavanda gastrica viene effettuata per eliminare il contenuto tossico o pericoloso dallo stomaco di un paziente, ma viene anche effettuata in alcuni casi prima di certi interventi chirurgici che richiedono il completo svuotamento dello stomaco. Solitamente la lavanda gastrica o gastrolusi viene effettuata entro un ora dall'ingestione della sostanza tossica, altrimenti risulterebbe inefficace.

In alcuni casi, quando la sostanza ingerita ha un assorbimento lento, la lavanda gastrica può essere effettuata anche dopo 6-8 ore. La sostanza ingerita da eliminare non deve in ogni caso superare il limite dello sfintere pilorico, la parte finale dello stomaco che ne riversa il contenuto nel duodeno.

La lavanda gastrica viene effettuata tramite l'applicazione di un tubo che consente di aspirare il contenuto dello stomaco e viene solitamente accompagnata da un'immissione di acqua tiepida o soluzione salina per evitare shock e scompensi nei soggetti più deboli. La lavanda termina quando viene aspirato un liquido limpido, segnale che la tossicità è stata rimossa. Al termine dell'aspirazione del contenuto dello stomaco il tubo viene asportato e al paziente viene fatto ingerire del carbone attivo con funzione antitossica.

La lavanda gastrica è una terapia d'urgenza che viene effettuata soltanto qualora il paziente non presenti ferite alla gola, all'esofago o allo stomaco ed è controindicata nel caso problemi all'apparato respiratorio.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail