Scoperto un altro tumore trasmissibile tra gli animali

La scoperta di un nuovo tumore nei bivalvi suggerisce che il fenomeno possa essere più ampio di quanto si pensasse.

Scoperto un nuovo tumore trasmissibile

I tumori trasmissibili nel mondo animale sono molto rari, si tratta di un fenomeno considerato eccezionale e per fortuna sembra interessare pochissime specie, tra le quali il diavolo della Tasmania. L'essere umano non è colpito da tumori trasmissibili, ma alcuni ricercatori della Columbia University e delle Università della British Columbia a Vancouver e di Alcalá, in Spagna, hanno scoperto un nuovo tumore trasmissibile nei bivalvi, molluschi acquatici come vongole e cozze.

La scoperta ha fatto luce su un fenomeno che finora era stato sottovalutato, dal momento in cui è emerso che nei bivalvi la trasmissione di alcuni tipi di cancro è abbastanza frequente. Fino a questo momento erano noti solo quattro tipi di tumore trasmissibile in natura. Le due forme più famose colpiscono il diavolo della Tasmania, una il cane e una le vongole.

Dal momento in cui i bivalvi sono invertebrati non dotati di movimento, ma rimangono immobili ancorati al fondale marino, si pensa che la trasmissione del tumore avvenga tramite lo spostamento delle cellule cancerogene nell'acqua. Probabilmente le cellule migrano da un corpo all'altro con lo stesso meccanismo di diffusione delle metastasi. La scoperta apre nuovi interrogativi sulla possibilità di trasmissione di tumori nella specie umana.

 

Via | lescienze.it

  • shares
  • Mail