Cos'è la sindrome da talidomide e come si manifesta

Che cosa si intende con il termine "sindrome da talidomide" e come si manifesta questo disturbo?

sindrome da talidomide

Che cos'è la Sindrome da talidomide? Il Talidomide è un farmaco nato come medicinale contro la nausea e blando sonnifero, alla fine degli anni Cinquanta. Tra gli effetti collaterali del medicinali, osservati in più del 10% dei pazienti che lo hanno assunto, notiamo neutropenia (diminuzione del numero dei leucociti neutrofili), astenia, costipazione, crampi muscolari, trombocitopenia (diminuzione del numero di piastrine), anemia (diminuzione del numero di globuli rossi), eruzioni cutanee e diarrea.

Un effetto meno comune è la trombosi venosa profonda, che può portare a embolia polmonare: questo effetto collaterale è stato verificato frequentemente quando il farmaco veniva assunto con dosi alte di desametasone o melphalan o doxorubicina. Un tempo veniva prescritto alle donne incinta, ma dopo molti casi di bambini nati con focomelia, il farmaco è stato vietato in gravidanza.

La Talidomide è stata ritirata dal mercato, anche se in seguito è stata riabilitata. In Italia, i malati danneggiati da Talidomide sono tutelati dall'associazione T.A.I. Onlus – Thalidonìmidici Italiani O.N.L.U.S.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail