Allergie alle graminacee e parietarie: 9 milioni gli italiani sensibili

Sono 9 milioni le persone sensibili alle allergie a graminacee e parietarie: sono aumentate di 7 volte negli ultimi 30 anni.

Le persone allergiche in Italia sono 9 milioni: sono aumentate molto negli ultimi 30 anni, passando dal 4% a quasi il 30% della popolazione. A dirlo sono gli specialisti dell'AAITO, Associazione Allergologi Immunologi Territoriali e Ospedalieri.

Renato Ariano, responsabile della Sezione di Aerobiologia dell'AAITO e Specialista Allergologo in Bordighera, spiega:

L'aumento dell'anidride carbonica non provoca soltanto inquinamento, ma stimola anche la produzione di piante: nelle zone incolte, quindi, intensifica lo sviluppo di piante spontanee. L'inquinamento atmosferico, soprattutto quello causato dal traffico veicolare dei motori diesel, produce un polline maggiore e più aggressivo, nonché un'infiammazione delle vie aeree dei soggetti. E' per questo che, in questi giorni, dobbiamo parlare di epidemia allergologica.

Gli allergeni più aggressivi in Italia sono graminacee, ampiamente presenti al Nord, negli Appenini Centrali, in Campania e Sardegna, e le parietarie, comuni al sud. Non sottovalutiamo, poi, il pericolo ambrosia, che colpisce tra agosto e ottobre.

E visti i cambiamenti climatici, la situazione sarà sempre più difficile: un cambio di mezzo grado di più della temperatura fa aumentare da 10 a 100 volte la quantità di pollini nell'aria e di conseguenza aumentano da 10 a 100 volte le persone che soffrono di allergia.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail