Dolori notturni all'anca e al ginocchio: cause e rimedi

Ecco da cosa possono dipendere e come combatterli

dolori ginocchio anca

I dolori notturni all'anca e al ginocchio sono un problema con cui può trovarsi alle prese chiunque abbia a che fare con problemi alle articolazioni. A farne le spese è il buon sonno, con tutte le conseguenze che possono derivare da un riposo non adeguato. Ma quali sono le cause principali di questi fastidiosi disturbi? E quali i rimedi efficaci?

Fra le cause dei dolori notturni alle articolazioni sono inclusi tutti i problemi che possono colpire una delle componenti delle articolazioni o delle strutture ad esse associate, dalle ossa alle cartilagini, passando per tendini, legamenti, muscoli e borse sierose. Il dolore all'anca o al ginocchio può essere ad esempio la conseguenza di un trauma; altre volte, invece, a scatenarlo sono la gotta, l'artrosi o l'artrite reumatoide.

A volte sono i farmaci assunti per combattere i sintomi di quest'ultima patologia (ad esempio il prednisone) a compromettere il riposo, altre volte il problema è dovuto al fatto che non è stata ancora individuata una terapia efficace che tenga sotto controllo i fastidi anche durante la notte. In questo caso una volta identificato un trattamento efficace il problema sarà risolto.

Fra i rimedi più utilizzati per eliminare il dolore sono inclusi i farmaci antinfiammatori non steroidei (i cosiddetti Fans). A volte può essere sufficiente prenderli prima di andare a dormire, ma in alcuni casi ci si potrebbe ritrovare costretti ad assumerli anche durante la notte.

Non bisogna però dimenticare che anche lo stile di vita aiuta a combattere i dolori alle articolazioni. Un'alimentazione sana ed equilibrata, abbinata a un'attività fisica regolare, aiuta ad esempio a non ingrassare, evitando di sovraccaricare le ginocchia stressandole eccessivamente. Per evitare di correre inutili rischi è però bene chiedere consiglio al proprio medico, che saprà indicare quali esercizi è possibile praticare senza mettere in pericolo la salute già precaria di anca e ginocchio.

Foto | Pixabay

  • shares
  • Mail