Si può guarire dal diabete? Studio svela: bisogna dimagrire

Lo studio

diabete guarire cura

Per guarire dal diabete bisogna dimagrire e non ingrassare più. Lo dimostra uno studio pubblicato su Diabetes Care da un gruppo di ricercatori coordinato da Roy Taylor dell'Università di Newcastle, un vero e proprio esperto del tema.

Già nel 2011, infatti, Taylor aveva pubblicato su Diabetologia uno studio secondo cui il diabete può essere curato seguendo una dieta molto restrittiva in termini di calorie assunte.

Questo [nuovo1] studio risponde anche a una domanda che mi viene spesso posta – se perdo peso e non lo recupero rimarrò senza diabete? La semplice risposta è sì!

spiega Taylor.

In questa nuova ricerca è stato dimostrato che la malattia può essere eliminata anche quando si soffre di diabete da ormai 10 anni.

La dieta per guarire dal diabete

I 30 volontari che hanno partecipato allo studio pubblicato su Diabetes Care hanno seguito la seguente dieta:



  • 3 frappè dietetici al giorno e 240 grammi di vegetali non amidacei, per un totale di 600-700 Calorie al giorno, per 8 settimane;

  • 2 settimane per tornare gradualmente a mangiare cibo normale durante le quali è stato necessario seguire molto attentamente le indicazioni su quanto mangiare;

  • un programma personalizzato per il mantenimento del peso da seguire per 6 mesi, durante i quali i volontari sono stati visitati 1 volta al mese.


Per mantenere il peso raggiunto senza ingrassare i partecipanti hanno dovuto mangiare circa un terzo di meno rispetto a quanto mangiassero prima dell'inizio dello studio.


“E' interessante “, osserva Taylor, “che anche se tutti i nostri volontari sono rimasti obesi o in sovrappeso, il grasso non è tornato a intasare il loro pancreas”. Il risultato? La produzione di insulina è tornata nella norma.


E se, invece, il problema persiste da più tempo?

Non bisogna abbandonare le speranze

rassicura l'esperto, spiegando che

è possibile ottenere grandi miglioramenti in termini di controllo degli zucchero nel sangue.

Il racconto di uno dei volontari

Allan Tutty, 57 anni, di Sunderland, città del Nord-Est dell'Inghilterra, è uno dei volontari che hanno partecipato al nuovo studio di Taylor. “Ho ricevuto la diagnosi di diabete di tipo 2 all'incirca nel maggio del 2011 durante un check up di routine dal mio medico, ma né io né la mia famiglia gli abbiamo creduto perché non avevo sintomi che mi facessero pensare di avere la malattia”, racconta Tutty. “Anche se non mi sentivo grasso, lo ero – all'interno. Ho visto un'immagine del mio fegato in cui si può vedere il grasso tutt'intorno”.


“Ho partecipato alla ricerca seguendo per 8 settimane una dieta da 800 calorie al giorno, molto difficile da fare tra Natale e Capodanno, ma ero determinato a portarla a termine. Il risultato finale che avrei potuto raggiungere – la possibilità di eliminare il mio diabete – valeva lo sforzo”.


“In questi due mesi ho perso 16 kg e il mio pancreas ha ripreso a lavorare normalmente. Con il mio diabete i remissione, non mi sono guardato indietro. Mangio cibi normali, anche se mangio meno di quanto facessi in passato, e mi concedo take away e cioccolato, ma non regolarmente, così ho mantenuto il peso raggiunto, è stato un cambiamento totale dello stile di vita. Di fatto, grazie a questa ricerca la mia vita è cambiata completamente”.

Via | Newcastle University

  • shares
  • Mail