Un anello vaginale per prevenire l'HIV: dimostrata l'efficacia

Contiene l'antiretrovirale dapivirina

anello vaginale hiv

L'uso di un anello vaginale contenente il farmaco antiretrovirale dapivirina può aiutare le donne a prevenire l'infezione da HIV. A dimostrarlo sono due studi clinici di Fase III presentati a Boston in occasione della Conferenza sui Retrovirus e sulle Infezioni Opportunistiche (Croi).

L'anello è il primo metodo per la prevenzione a lungo termine dell'HIV pensato appositamente per le donne. Messo a punto dall'organizzazione non-profit International Partnership for Microbicides (IPM), può ridurre l'infezione del 27-31%. Entrambi gli studi (il Ring Study dell'IPM e l'ASPIRE, del Microbicide Trials Network – MTN) hanno però rilevato un'efficacia diversa a scenda dell'età della donna e della costanza d'uso dell'anello.

Lo studio ASPIRE ha infatti rilevato una riduzione del rischio di infezione pari al 61% nelle donne di più di 25 anni e al 56% nelle over 21, che hanno utilizzato l'anello con maggiore costanza. In modo simile, anche il Ring Study ha rilevato un'efficacia del 37% nelle over 21, mentre le donne tra i 18 e i 21 anni sono risultate meno protette in entrambi gli studi.

Via | EurekAlert!
Foto | Pixabay

  • shares
  • Mail