Fumo, anche la sigaretta elettronica può dare dipendenza

In caso di astinenza genera un'ansia superiore al fumo di tabacco

e-cig dipendenza

Dipendenza e ansia: sono questi i rischi corsi da chi sceglie una sigaretta elettronica che produca vapori contenenti nicotina. A provarlo sono le ricerche pubblicate su European Neuropsychopharmacology da un gruppo di ricercatori guidato da Cecilia Gotti, esperta dell’Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (In-Cnr).

Condotti sui topi, gli esperimenti di Gotti e colleghi hanno dimostrato che la nicotina presente nei vapori delle e-cig produce effetti simili in termini di dipendenza, e anche se l’astinenza acuta da sigaretta elettronica e il deficit cognitivo associato sono risultati minore di quelli da fumo di tabacco, l’ansia e i comportamenti compulsivi dettati dalla sospensione del suo impiego sono risultati maggiori rispetto a quelli scatenati dall’astinenza da tabacco.

I dettagli dello studio

“Lo scopo di questo studio”, spiegano i ricercatori su European Neuropsychopharmacology, “era confrontare gli effetti del fumo di sigaretta tradizionale e quelli del vapore di e-cig contenente la stessa quantità di nicotina in topi maschi BALB/c esposti al fumo di 21 sigarette o al vapore di e-cig contenente 16,8 mg di nicotina somministrata attraverso un ventilatore meccanico per 3 sessioni da 30 minuti al giorno per 7 settimane”.


“I due trattamenti, con sigaretta elettronica o convenzionale, su un gruppo di topi sottoposto a quantità di nicotina simili a quelle assunte da un fumatore nell’arco di due mesi sono confrontabili tra di loro, sia per quanto riguarda l’assunzione di nicotina sia per il grado di dipendenza che generano, mentre i test comportamentali indicano che l’astinenza acuta da sospensione di sigaretta elettronica è minore rispetto a quella indotta dal fumo ‘normale’, come pure il deficit cognitivo”, spiega Mariaelvina Sala, coautrice della ricerca. “A fronte di questi dati positivi è stato però riscontrato un maggior aumento dell’ansia e dei comportamenti compulsivi nel caso di sospensione del vapore di sigaretta elettronica, osservabile anche dopo lungo tempo dall’interruzione”. 

Questo

spiega Mariaelvina Sala, coautrice dello studio

indica che nel fumo di tabacco e nel vapore di sigaretta elettronica sono presenti, oltre alla nicotina, composti finora non identificati che possono provocare queste diverse risposte.

Il consiglio dei ricercatori

Secondo gli autori dello studio la mancanza di informazioni sulle sostanze presenti nel vapore della sigaretta elettronica e di una loro codificazione richiede la predisposizione dei regole e controlli che possano rendere le e-cig una reale alternativa al fumo di tabacco.

Via | Cnr

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail