Cos'è l'aplasia eritrocitaria pura, i sintomi, le cause e la cura

L’ aplasia pura eritrocitaria è un’anemia caratterizzata da un meccanismo di distruzione selettiva dei precursori eritroidi: ecco i sintomi, le cause e la cura.

L’ aplasia pura eritrocitaria è una forma di anemia caratterizzata dalla riduzione o dall’assenza di eritroblasti nel midollo e di eritrociti circolanti. Possiamo distinguere in acuta, che si manifesta in età infantile, dopo un’infezione e si risolve spontaneamente dopo un paio di settimane, cronica, invece, che ha una lenta progressione ed è tipica dell’anziano. Questo forma risponde bene alla terapia. Infine abbiamo la primitiva.

Molto spesso questa anemia è associata ad altre patologie, soprattutto tumorali, a infezioni batteriche o virali, a malattie autoimmuni, l’assunzione di farmaci o semplicemente alla gravidanza. È una forma rara e abbastanza aggressiva. Quali sono i sintomi? Dipende. Oltre ai classici tipici dell’anemia (stanchezza, pallore, vertigini, ecc), molti sintomi sono collegati alle patologie connesse, soprattutto in caso di neoplasie.

La terapia prevede la somministrazione di globuline, quando possibile il trapianto di midollo osseo prelevato o da un gemello monocoriale o da un fratello con un HLA compatibile. In questo caso vanno evitate le trasfusioni perché rappresentano un rischio per il futuro successo del trapianto, gli emoderivati dovrebbero essere utilizzati soltanto in caso di assoluta necessità.

  • shares
  • Mail