Artrite gottosa e alimentazione: la dieta da seguire

La dieta da seguire in caso di gotta deve essere a base di alimenti poveri in purine. Ecco i consigli di Blogo.

L’artrite gottosa è chiamata comunemente gotta e consiste in una malattia cronica su base ereditaria caratterizzata da un elevato tasso di acido urico nel sangue (iperuricemia). Da che cosa dipende? L'acido urico deriva dal metabolismo delle purine, composti azotati che entrano nella composizione del DNA. Le persone con la gotta sintetizzano molte più purine del necessario e non riesce a smaltirle con sufficiente velocità. L'accumulo di acido urico in sede articolare scatena dolori ed infiammazioni acute (artrite).

Il punto di maggior accumulo di solito è la caviglia, infatti si parla di piede gottoso. Aiutarsi con la dieta può essere un ottimo modo per ridurre i fastidi. L’alimentazione deve essere priva o comunque dovrebbe ridurre al minimo gli alimenti ricchi di purine, gli alcolici, i grassi e il fruttosio.

Si consigli di bere molta acqua che può favorire la prevenzione dei calcoli renali, cui i gottosi sono soggetti. Evitate la birra perché ha un alto contenuto di purine rispetto al vino e agli altri alcolici. Fate attenzione alla carne, soprattutto rossa e grassa, e cercate di consumare almeno
due o tre porzioni di pesce ricco di omega-tre alla settimana.

Gli alimenti consigliati sono latte, uova, formaggi, verdure, ortaggi, frutta, pasta e gli altri cereali (fatta eccezione per germe di grano e prodotti integrali). Attenzione a piselli, fagioli, lenticchie, asparagi, spinaci, cavolfiori, funghi, arachidi e prodotti integrali.

Via | My Personal Trainer

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail