Cervello, ecco la pelle artificiale sensibile al tatto

E' stata realizzato un particolare tipo di pelle artificiale sensibile al tatto che interagisce con il cervello.

E' stata recentemente messa a punto una pelle artificiale in grado di reagire al tatto, perché riesce a trasferire al cervello le percezioni che sente: la pelle è stata sviluppata dagli ingegneri della Stanford University, il cui lavoro è stato pubblicato sulla rivista Science. La pelle artificiale è sensibile, flessibile, molto simile a quella umana ed è dotata di sensori di pressione organici in nanotubi di carbonio.

Zhenan Bao, coordinatrice del gruppo che da tempo studia nuove soluzioni, spiega:

E' la prima volta che un materiale flessibile e simile alla pelle riesce a rilevare la pressione subita e trasmettere il segnale elettrico al sistema nervoso.

La pelle artificiale è composta da due strati di plastica, uno esterno come la pelle umana sensibile al tatto e ai diversi tipi di pressione e uno interno in grado di trasmettere i segnali elettrici ai neuroni, grazie a miliardi di nanotubi di carbonio disposti sopra.

Via | Ansa

  • shares
  • Mail