Citomegalovirus positivo: come leggere i risultati del test

Citomegalovirus positivo, cosa vuol dire? Ecco come dobbiamo leggere i risultati del test se risultiamo positive.

Citomegalovirus positivo, cosa significa? Se abbiamo fatto il test del sangue per capire se abbiamo contratto in passato, recentemente o se stiamo affrontando l'infezione da CMV, un virus che fa parte della famiglia degli Herpes Virus, dobbiamo saper leggere i risultati delle analisi. Solitamente chi si ammala di Citomegalovirus non se ne accorge nemmeno, perché la malattia non presenta sintomi.

Il Citomegalovirus è molto grave se contratto in gravidanza o se la donna è portatrice del virus, perché potrebbe contagiare il bambino che porta nella sua pancia. Facendo delle semplici analisi del sangue, possiamo sapere se abbiamo l'infezione in corso o se l'abbiamo già avuta in passato o meno. Le analisi del sangue sono di fondamentale importanza sia per chi è alla ricerca di una gravidanza, sia per chi è già rimasta in dolce attesa, per scongiurare possibili problemi al bambino.

I valori di riferimento per il citomegalovirus sono i seguenti:

IgG
Concentrazione 14: presenza di anticorpi

IgM
Concentrazione 22: presenza di anticorpi

Le analisi vanno, dunque, lette in questo modo:


    IgG assenti IgM assenti: assenza di esposizione al virus
    IgG presenti IgM assenti: infezione pregressa
    IgG assenti IgM presenti: infezione acuta in fase iniziale
    IgG presenti IgM presenti: infezione acuta o recente
    IgG a bassa avidità: prima infezione recente
    IgG ad alta avidità: infezione pregressa, riattivazione del virus

Citomegalovirus

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail