Polipi nasali: le cause, i sintomi e l'intervento

I polipi nasali possono provocare davvero molti fastidi. Ecco quali sono i sintomi, le cause ed il trattamento più indicato per questo tipo di problema.

Polipi nasali

I polipi nasali possono causare seri fastidi alla respirazione. Si tratta di una condizione dovuta alla formazione di noduli non cancerosi che si formano sul rivestimento della cavità o dei seni nasali, una condizione che può colpire chiunque, ma che interessa in particolar modo i pazienti in età adulta. I polipi si formano generalmente in presenza di mucosa cronicamente infiammata, e possono manifestarsi soprattutto nelle persone che soffrono di asma, allergie, o anche nei soggetti che soffrono spesso di infezioni del seno nasale.

Se piccoli polipi nasali possono non comportare l’insorgenza di particolari sintomi, polipi nasali di dimensioni più grandi possono – come abbiamo accennato – comportare fastidiosi problemi alla respirazione. In particolar modo, il paziente lamenterà sintomi come naso che cola, sensazione di naso chiuso, problemi all’olfatto, prurito agli occhi, rinorrea, tendenza a russare, dolore alla faccia o alla testa e perdita del senso del gusto.

In presenza di tali sintomi, e qualora questi non dovessero passare nell’arco di qualche giorno, la prima cosa da fare sarà naturalmente quella di rivolgersi al medico di famiglia, che vi manderà molto probabilmente da uno specialista.

Una volta eseguita la diagnosi di poliposi nasale, lo specialista opterà per un trattamento di tipo farmacologico, volto a ridurre la grandezza dei polipi mediante farmaci come quelli corticosteroidi, antibiotici, antistaminici o farmaci antifungini, oppure – qualora il trattamento farmacologico non dovesse rivelarsi efficace – mediante il trattamento chirurgico, che andrà stabilito in base alla situazione specifica del paziente, in base al numero di polipi presenti ed in base alla loro posizione.

via | Farmacoecura

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail