Cos'è la cisticercosi oculare? Sintomi, cause e trattamento

La cisticercosi oculare è un’infezione parassitaria che colpisce l’occhio. In realtà si può localizzare in quasi tutti gli organi e tessuti, ma la zona oculare è la più frequente.

occhi.jpeg

La cisticercosi è una parassitosi umana causata dalla Taenia solium, verme parassita appartenente alla famigli dei tenidi, più comunemente nota come verme solitario. Come avviene l’infezione? Si trasmette in modo molto semplice, ovvero attraverso il consumo di carni crude o poco cotte, oppure ingerendo uova mature di tenia.

Purtroppo questo parassita tende a sopravvivere negli alimenti poco cotti o crudi e non congelati. Risultano quindi a rischio tutte le pietanze non sottoposte a tali trattamenti termici prodotte con carne di bovino. Perché si parla di cisticercosi oculare? Perché la localizzazione più frequente del cisticerco è nell'occhio e nei suoi annessi (46%).

Altri luoghi sono il sistema nervoso, la pelle e il tessuto sottocutaneo, rari i muscoli e le ossa. Quali sono i sintomi? Quando la localizzazione è oculare, cerebrale o cardiaca spesso comporta sindromi epilettiche, paralisi, distacchi di retina, esoftalmi, tachicardia, dispnea, sincopi. Si diagnostica con una radiografia. Se è presente nell’occhio, i parassiti possono assumere una forma tondeggiante.

Il trattamento dell’infezione è farmacologico: si utilizzano dei prodotti anti-parassitaria e dei farmaci per curare i sintomi. Può essere necessario l’intervento chirurgico nella cisticercosi spinale e oculare, ma anche se la cisticercosi cerebrale causa idrocefalo ostruttivo o infezione del quarto ventricolo cerebrale.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail