Isotretinoina contro l'acne: come funziona e gli effetti collaterali

L’isotretinoina è un derivato della vitamina A che serve per curare l’acne: sono numerosi gli effetti collaterali.

L’isotretinoina è un derivato della vitamina A, esattamente un retinoide, che si utilizza per trattare l’acne volgare nelle forme lievi e moderate. È impiegato anche per via sistemica e viene in questo caso prescritto per curare le forme gravi di acne resistenti a cicli di terapia standard con antibatterici sistemici e terapia topica.

Quali sono le controindicazioni? Non è adatta in gravidanza e in allattamento, nei pazienti con insufficienza epatica, con valori elevati di lipidi plasmatici, con ipervitaminosi A con ipersensibilità all’isotretinoina o ad uno qualsiasi degli eccipienti e in un trattamento concomitante con tetracicline. È quindi consigliabile fare un test di gravidanza di cui siano registrati la data di esecuzione e il risultato, prima di un eventuale terapia. Nelle pazienti con mestruazioni irregolari, il momento di questo test di gravidanza deve riflettere l’attività sessuale della paziente e deve essere eseguito circa 3 settimane dall’ultimo rapporto sessuale non protetto.

Tra gli effetti collaterali segnalati, invece, ci sono stati di depressione, ansia, aggressività, alterazioni dell’umore, sintomi psicotici e fino al suicidio. Evitare durante la cura di effettuare altre terapie (estetiche e no) della pelle, come la dermoabrasione, la laser terapia, le lampade o semplicemente l’uso di altri prodotti topici antiacne ad azione cheratolitica o esfoliante.

Via | Albanesi

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail