Cos'è una sindrome paraneoplastica?

La sindrome paraneoplastica è una condizione collegata allo sviluppo del tumore. Ecco quali sono le caratteristiche e qual è la prognosi.

Sindrome paraneoplastica


Le sindromi paraneoplastiche sono condizioni patologiche che vengono attivate da un alterata risposta del sistema immunitario a una neoplasia di tipo benigno o maligno. Tali sindromi comportano l’insorgenza di sintomi che derivano dalle sostanze prodotte dal tumore stesso, e che possono manifestarsi a distanza dalla sede in cui si trova la neoplasia. La sindrome paraneoplastica può dunque comportare l'insorgenza di sintomi di tipo endocrino, neuromuscolare o muscolo-scheletrici, sintomi cardiovascolari, cutanei, ematologici, gastrointestinali, renali o anche di altra natura.

I sintomi della sindrome paraneoplastica possono manifestarsi ancor prima che un tumore sia stato diagnosticato. Dunque, quando un paziente che non ha ricevuto alcuna diagnosi di cancro presenta uno dei "tipici" sintomi delle sindromi paraneoplastiche, la prima cosa da fare sarà quella di prendere in considerazione la possibile presenza di una neoplasia.

Generalmente si tende a distinguere le sindromi paraneoplastiche sistemiche da quelle specifiche. Nel primo caso, si tratta di condizioni come cachessia, anemia normocromica normocitica, febbre e così via; nel secondo caso, si tratta invece di sindromi che interessano un organo specifico.

Dal momento che le sindromi paraneoplastiche differiscono significativamente da paziente a paziente, la prognosi varierà notevolmente. Alcuni disturbi paraneoplastici tenderanno a risolversi spontaneamente, con l’asportazione del tumore.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Emedicine.medscape.com, Treccani

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail