Trauma cranico: le linee guida

Affrontare un trauma cranico non è così semplice come si possa pensare: ecco le linee guida per il soccorso iniziale e soprattutto per prendere le prime misure di emergenza.

mal di testa segni premonitori

Il trauma cranico è tra i traumi più gravi e frequenti ed è classificato in lieve, moderato e grave. Le linee guida per la gestione di questa problematica sono abbastanza chiare e schematiche.

Valutazione neurologica - Glasgow Coma Scale


  • Apertura degli occhi: spontanea (4), su comando (3), al dolore(2), assente(1)
  • Risposta verbale: orientata(5), confusa(4), sconnessa(3), suoni incomprensibili(2), assente(1)
  • Risposta motoria: esegue ordini(6), localizza lo stimolo(5), flessione-retrazione(4), flessione abnorme(3), estensione(2), assente(1)

Ogni risultato ha un punteggio, che permette di determinare il grado di trauma. Tutti i pazienti traumatizzati devono essere sottoposti ad una valutazione iniziale d’accordo alle norme ATLS (Advanced Trauma Life Support). In base a queste norme, si debbono garantire al più presto:

A.(Airway): Si deve assicurare la pervietà delle vie aeree e l’immobilizzazione


  • della colonna cervicale del paziente
  • Sollevare il mento
  • Estrare i corpi estranei
  • Intubazione oro-tracheale/ cricotiroidotomia

B (Breathing): Si deve assicurare la ventilazione e l’ossigenazione.


  • Valutare la meccanica ventilatoria
  • Somministrare ossigeno
  • Cercare e risolvere lo eventuale pneumotorace iperteso/ aperto

C (Circulationi): Si deve assicurare la volemia e la pressione arteriosa.


  • Identificare eventuali siti di emorragia esterna ed applicare compressione
    diretta.
  • Posizionamento di 2 cateteri endovenosi di grosso calibro ed iniziare infusione
    di Ringer lattato ( riscaldato a 39°C)
  • Identificare eventuali siti di emorragia interna, valutare necessità intervento
    chirurgico.

D (Disability): Breve valutazione neurologica.


  • Determinare livello di coscienza e GCS
  • Valutare pupille ( grandezza, simmetria e reattività alla luce)

E (Exposure/ Enviromental control)


  • Spogliare il paziente per una valutazione completa
  • Prevenire l’ipotermia

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail