Allergia alle graminacee, colpiti 6 milioni di italiani

Dalla Società Italiana di Allergologia, Asma ed Immunologia Clinica i consigli per affrontarle

allergia consigli

L'aumento delle temperature e la fine delle piogge portano all'esplosione dei sintomi dell'allergia alle graminacee. Lo sanno bene i 6 milioni di italiani che in questi giorni hanno a che fare proprio con questi problemi e ai quali sono rivolti i consigli della SIAAIC (la Società Italiana di Allergologia, Asma ed Immunologia Clinica) per affrontare al meglio il problema.

La scelta ideale, spiega Oliviero Rossi, membro SIAAIC, sono i vaccini antiallergici, che però andrebbero somministrati da 3-4 mesi prima della fioritura.

Per i ritardatari

aggiunge l'esperto

ci sono anche i nuovi farmaci per uso locale in spray, che comprendono antiinfiammatori e antistaminico per bloccare i sintomi: bastano una settimana o 10 giorni per avere un sollievo immediato.

Anche una fuga dalla città potrebbe aiutare. Infatti chi è allergico ai pollini sta meglio in campagna.

L'inquinamento atmosferico ha un effetto di amplificazione, e la temperatura della città è più alta rispetto alla campagna

spiega Rossi.

Ancora meglio puntare al mare, la cui brezza comporta una quantità di pollini ancora minore.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto | Pinterest

  • shares
  • Mail