Riconoscere i sintomi di una gravidanza

Quali sono i sintomi per identificare l’inizio di una gravidanza? Ecco tutti i segnali che ci possono far capire che aspettiamo un bambino.

State aspettando da tanto una gravidanza ma avete perso le speranze? Oppure non avete proprio pianificato un bambino e siete spaventate all’idea di averne uno? La cosa migliore è riconoscere per tempo gli eventuali sintomi per poi agire di conseguenza. Nel secondo caso, ovviamente, prendere le dovute precauzioni è sempre il comportamento più saggio.

sintomi-gravidanza


  • Assenza di mestruazioni. Molte donne parlano di ritardo, anche perché nel primo mese si potrebbero avere comunque delle perdite leggere, confuse per mestruazioni. In realtà è l’annidamento della gravidanza.
  • Aumento del volume del seno.
  • Sonnolenza e spossatezza. Nel primo trimestre si può essere colpiti da una sorta di letargia: sono gli ormoni della gravidanza.
  • Nausea mattutina. Le chiamano così, ma ci sono donne che stanno male tutto il giorno. E donne, fortunate, che non sanno che cosa sia. Di norma spariscono intorno al terzo mese di gravidanza. Se si supera il primo trimestre e quello che è un piccolo disturbo diventa un problema patologico, si parla di iperemesi gravidica.
  • Alterazione del gusto e dell’olfatto. Si diventa decisamente più sensibili.
  • Crampi addominali. È l’utero che sta crescendo. Alcune donne hanno anche un fastidioso dolore di schiena.

  • Crampi alle gambe. Sono causati da un’alterazione del modo in cui il corpo elabora il calcio.
    Sbalzi d’umore. Se soffrite di sindrome premestruale sapete bene di cosa stiamo parlando: si passa dal riso al pianto alla velocità della luce.
  • Aumento della minzione.
  • Sensazione di gonfiore. No, la pancia non si vede e prima del quarto mese non si può parlare di pancia, ma una sorta di gonfiore identifica lo stato giusto.

Foto | Pinterest

  • shares
  • Mail