I batteri resistenti agli antibiotici: cosa sono e come combatterli

Se ne sente parlare sempre più spesso, ma cosa sono questi germi tanto temuti? E cosa possiamo fare nel nostro piccolo per evitarne la diffusione e la comparsa?

I batteri resistenti agli antibiotici sono una minaccia per la salute. Nella sola Unione Europea circa 25 mila pazienti muoiono ogni anno a causa di infezioni scatenate da questi germi, particolarmente frequenti negli ambienti ospedalieri. L'Italia non è esente dal problema: qui, infatti, sono da 5 a 7 mila i decessi annui riconducibili a infezioni contratte in ospedale.

Ma cosa sono questi microbi? E come si possono combattere? Ecco un piccolo vademecum per conoscerli e affrontarli.


  • I batteri multi-resistenti sono microrganismi contro cui gli antibiotici attualmente utilizzati sono quasi inefficaci.
  • La loro comparsa è dovuta a un uso spesso inappropriato degli antibiotici.

  • batteri multi-resistenti
  • Fra i comportamenti responsabili della loro insorgenza c'è l'abitudine ad assumere antibiotici per combattere infezioni virali e non batteriche, l'assunzione di dosi troppo basse o terapie che durano un tempo troppo limitate.
  • In genere i batteri multi-resistenti sono generalmente la principale causa delle infezioni contratte in ospedale e nelle strutture residenziali per anziani o per malattie croniche, ma sono sempre più frequenti anche in ambito comunitario.
  • Al momento non sono disponibili nuovi farmaci che possano risolvere tutti i problemi della multi-resistenza.
  • Per combattere il fenomeno è importante migliorare l’appropriatezza nell’uso degli antibiotici.
  • Anche la prevenzione della diffusione delle infezioni da batteri resistenti agli antibiotici è importante: igiene corretta e lavaggio delle mani devono diventare un'abitudine radicata.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail