Ora legale, i consigli per affrontare il cambio dell'ora

Domenica 29 Marzo 2015 le lancette si sposteranno avanti di un'ora, causando sessanta minuti di sonno in meno: i suggerimenti migliori per superare senza stress l'arrivo dell'ora legale.

L'ora legale torna nella notte tra il 28 e il 29 marzo 2015, quando alle 2 ci toccherà spostare avanti la lancetta dell'orologio di sessanta minuti, facendoci perdere un'ora di sonno ma guadagnando un'ora di luce al giorno con notevoli effetti sul risparmio energetico. Questa condizione implica un coinvolgimento diretto dei bioritmi delle persone, che nei primi giorni dopo il cambio dell'ora possono avvertire disturbi dell'umore come irritabilità, nervosismo e in generale un'oscillazione tra positivo e negativo che può dare molto fastidio a livello di rapporti personali.

sonno ora legale cambio dell'ora

La stima è che oltre il 15% degli italiani soffrirà qualche disagio dal punto di vista del benessere fisico ed emotivo e il Codacons calcola addirittura un bambino su 2 con disturbi del sonno a causa dell'ora legale. Vale la pena sottolineare che saranno disagi passeggeri per la salute degli italiani e che gli effetti negativi potranno colpire sia i “gufi”, ovvero le persone che amano andare a letto alle ore piccole, sia le “allodole”, ovvero i più mattutini.

Lo psichiatra Michele Cucchi, Direttore Sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano, spiega così questa "patologia" dell'umore legata all'ora legale:

Queste difficoltà si osservano anche nelle persone sane, senza un disturbo del sonno di base o con un disturbo dell'umore, tipicamente connesso ai ritmi circadiani. Tipico di chi soffre di ansia e depressione riscontrare un peggioramento dei sintomi proprio in questo periodo dell’anno, momento in cui è sempre poco indicato fare cambi di terapia.

Posto che l'ora legale non mette a rischio il buon sonno se non nei primi due-tre giorni, è possibile che tanti dei disturbi condivisi da molte persone possano trarre giovamento da alcuni piccoli consigli per affrontare il cambio dell'ora:


  • 1. Allodole o gufi?
    Bisogna verificare a quale tipologia apparteniamo, in modo da affrontare al meglio il disagio: per i gufi è più difficile sopportare l'ora legale, per le allodole è peggio la solare. In questo periodo i più colpiti sono coloro che amano fare le ore piccole.

  • 2. Abituarsi gradualmente
    Il primo passo è la sincronizzazione dei ritmi circadiani: si può andare a letto qualche ora prima nei giorni che precedono il cambio dell'ora, per allenarsi gradualmente in modo da non arrivare a lunedì completamente stravolti.

  • 3. Fare movimento
    L'influenza della luce sull'umore e sugli ormoni può essere mitigata dall'attività fisica aerobica, magari sfruttando la mattina per ricaricarsi completamente di energie buone: muoversi appena svegli aiuta a combattere i malesseri stagionali legati all'ora legale.

  • 4. Non mangiare troppo (soprattutto prima di dormire)
    Pasti moderati e niente abbuffate, nemmeno per compensazione neurobiologica: meglio tenersi leggeri. Mangiare prima di andare a letto, poi, potrebbe causare disagi per quanto riguarda le ore di sonno, perché la digestione influisce sul dormire bene. Meglio evitare cene pantagrueliche.

  • 5. Una lampada che aiuta
    Chi avverte sensibillmente il cambio dell'ora può essere aiutato da una lampada specifica che simula un'alba artificiale e aiuta nel risveglio.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail