Incrociare le dita aiuta a ridurre il dolore

E' questo quanto succede quando si esegue un particolare test, e secondo i suoi autori la scoperta potrebbe portare a nuovi approcci al trattamento delle sindromi dolorose

Quando è cronico il dolore può diventare addirittura causa di disabilità. Purtroppo, infatti, i farmaci non riescono a tenerlo sempre sotto controllo, anzi, a volte è proprio l'uso continuo di antidolorifici a portare alla sua cronicizzazione. Oggi un nuovo studio pubblicato su Current Biology dai ricercatori dell'University College di Londra porta però nuove speranze per chi ha a che fare con questo tipo di problema. I suoi autori hanno infatti scoperto che il dolore percepito in alcuni punti del corpo dipende dalla loro posizione.

Non stiamo parlando del dolore che può essere associato all'intorpidimento di un braccio; nemmeno di quello che si può provare a una gamba tenuta piegata troppo a lungo. Gli autori hanno infatti concentrato la loro attenzione sulle mani, scoprendo che incrociare le dita può ridurre il fastidio provato dalle dita.

Tutto è partito da un test molto diffuso fra chi studia il dolore che prevede di scaldare indice e anulare raffreddando contemporaneamente il medio. Anche se in genere il freddo inibisce il dolore in questo test dal dito medio arriva una sensazione di bruciore. L'effetto è dovuto al fatto che le vie della percezione di caldo, freddo e dolore sono interconnesse fra loro e che l'inibizione del segnale “freddo” proveniente dal dito medio aumenta quello di dolore.

Tuttavia, incrociando le dita lasciando l'indice sotto al medio riduce il dolore provato da quest'ultimo.

incrociare dita dolore

Il cervello sembra utilizzare l'arrangiamento spaziale di tutti e tre gli stimoli per generare la sensazione di calore bruciante su un solo dito

spiega Elisa Ferrè, uno degli autori.

Secondo Patrick Haggard, coordinatore della ricerca,

cambiare lo schema spaziale di stimoli che interagiscono fra loro può influenzare i circuiti cerebrali alla base della percezione del dolore.

La nostra ricerca è una ricerca di base, ma apre l'interessante possibilità che i livelli di dolore possano essere manipolati applicando uno stimolo addizionale e muovendo una parte del corpo rispetto all'altra.

Attenzione, però: se medio e anulare vengono scaldati e l'indice raffreddato il dolore aumenta. La regola non è quindi generale e purtroppo incrociare le dita non è la soluzione a tutti i mali.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | EurekAlert!
Foto | da Flickr di Artotem

  • shares
  • Mail