Cosa sono gli acidi biliari e cosa significa se sono alti

Gli acidi biliari sono sostanze prodotte dal fegato e utili al metabolismo dei grassi alimentari. Vediamo cosa significa quando i loro livelli sono superiori alla media

Gli acidi biliari sono un prodotto derivato dalla demolizione delle molecole di colesterolo ad opera del fegato. Tali acidi biliari primari, chiamati colico e chenodesossicolico, confluiscono poi nella cistifellea (o colecisti, piccolo organo a forma di sacchetto posto tra fegato, pancreas e duodeno) dove divengono il principale costituente della bile.

Nella bile tali acidi, che diventano "sali", vengono definiti coniugati perché si legano ad aminoacidi come la glicina e la taurina e per tale ragione prendono il nome di acido glicocolico, taurocolico, glicodesossicolico, taurodesossicolico.

Acidi-biliari

Ci sono, poi, altri acidi biliari detti secondari, che vengono prodotti a livello intestinale per azione della flora batterica sugli acidi che arrivano dalla cistifellea. Gli acidi e i sali biliari, come facilmente intuibile dal nome, sono sostanze sintetizzate dal corpo per promuovere e completare il processo metabolico, soprattutto intervengono nella digestione dei lipidi, che provvedono a scindere in sostanze più semplici.

In un organismo sano gli acidi biliari vengono riassorbiti dal fegato e dall'intestino, o eliminati attraverso le feci, ma qualche volta non riescono ad essere correttamente smaltiti dal corpo e la loro concentrazione ematica aumenta. Tra le cause principali del fenomeno ci possono essere:


  • Malattie al fegato come cirrosi epatica, tumori, epatite A, B e C
  • Malattie infettive come la mononucleosi
  • Assunzione di farmaci che impediscano o rallentino la funzionalità epatica tra cui ciclosporine, isoniazide, metotrexate, rifampicina, acido fusidico


  • Sindrome di Wilson
  • Calcoli biliari con colestasi (blocco del flusso della bile verso il sangue determinato da un calcolo che ostruisca i dotti biliari)
  • Gravidanza (in questi casi si tratta di un aumento degli acidi e dei sali biliari fisiologico provocato dall'azione degli ormoni estrogeni)

Tra i sintomi di una disfunzione epato-biliare con aumento della concentrazione degli acidi e di sali si riscontrano prurito diffuso, ittero (colorazione giallastra della pelle), urine scure e feci chiare dall'aspetto simile a creta. I valori di riferimento normali sono i seguenti:


  • 14 umoli per Litro di sangue per uomini e donne

Il test per la rilevazione dei valori degli acidi biliari totali presenti nel siero del sangue si esegue dopo un digiuno di 8 ore (nelle quali si può bere poca acqua), e in posizione eretta (da tenere per almeno mezzora prima del prelievo).

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail