Igiene, gli asciugamani ad aria sono peggiori di quelli tradizionali?

Gli asciugamani che emettono aria e che spesso troviamo nei bagni pubblici, possono diffondere più germi rispetto ai normali asciugamani di carta. A rivelarlo sarebbe stata una nuova ricerca condotta dai membri dell'Università di Leeds.

Una nuova ricerca avrebbe fatto emergere un dato forse inaspettato, ovvero quello secondo cui gli asciugamani ad aria calda potrebbero appunto diffondere molti più batteri nei bagni pubblici, rispetto invece alle normali salviette di carta per asciugare le mani. Nello specifico, la conta dei germi sarebbe stata 27 volte superiore per quanto concerne tali dispositivi, rispetto ai normali fazzoletti.

Per giungere a tale conclusione gli autori dello studio – recentemente pubblicato sul Journal of Hospital Infection - hanno contaminato le mani con un tipo innocuo di batterio chiamato Lactobacillus, un batterio che normalmente non si trova nei bagni pubblici.

Dopodiché gli esperti avrebbero esaminato l'eventuale presenza di tale batterio nell’aria, nei pressi degli asciugamani utilizzati ed a una distanza di due e tre metri da essi.

asciugamani moderni

Ebbene, stando a quanto emerso dalla ricerca, sembrerebbe che i batteri rimangano intorno agli asciugamani ad aria per diverso tempo dopo che terminiamo di asciugarci le mani, anche fino a 15 minuti dopo, secondo quanto rilevato dalle analisi.

"La prossima volta che vi asciugate le mani in un bagno pubblico con un asciugamani elettrico, – sottolineano dunque gli autori della ricerca - potreste diffondere batteri senza saperlo. Questi risultati sono importanti per comprendere i modi in cui i batteri si diffondono, con la possibilità che possano trasmettere delle malattie”.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | University of Leeds
Foto | da Flickr di Ben Husmann

  • shares
  • Mail