Cos'è la claudicatio intermittens, i rischi e la terapia

La chiamano anche "malattia delle vetrine", ma purtroppo non ha nulla a che vedere con il desiderio sfrenato di shopping. Ecco di cosa si tratta

I medici la chiamano claudicatio intermittens, e se già questo nome non fosse abbastanza curioso arriva anche il suo nomignolo ad aumentare la curiosità. Questo disturbo viene infatti chiamato anche malattia delle vetrine. Il motivo? Chi ne soffre è costretto a fermarsi mentre cammina a causa di una sorta di crampo alla gamba, un fastidio che rende difficile proseguire per la propria strada e fa sì che si ci fermi come se si dovessero guardare le vetrine dei negozi. In realtà il motivo che impedisce di continuare a camminare è ben altro.

La claudicatio intermittens è infatti il segnale più frequente di un'arteriopatia periferica. Alla sua base c'è un'occlusione o un restringimento di un'arteria delle gambe, ma le sue complicanze possono arrivare ben oltre. La claudicatio intermittens è infatti un indice indiretto di un'elevata mortalità sia per infarto che per ictus cerebrale. A ciò si aggiunge il fatto che nonostante il suo soprannome possa suscitare ilarità, la malattia delle vetrine è tutt'altro che un problema “simpatico” e può compromettere fortemente la qualità della vita di chi ne soffre: anche solo attraversare la strada può diventare pericoloso e nel tempo l'aggravarsi della situazione può compromettere anche il buon riposo con forti dolori notturni.

A spiegarlo è Adriana Visonà, presidente della SIAPAV, la Società Italiana di Angiologia e Patologia Vascolare.

E' in assoluto la patologia vascolare più frequente, poiché in Italia colpisce 1 paziente su 5 sopra i 60 anni, cioè il 20% della popolazione

racconta l'esperta.

Purtroppo, per quanto riguarda questa patologia, c’è una grossa sottostima oltre che una scarsa consapevolezza. Eppure l’arteriopatia periferica è facilmente verificabile attraverso un semplice parametro, l’indice caviglia braccio (ABI, nell’acronimo inglese), che consiste nel rapportare la pressione della caviglia a quella del braccio. Con una spesa minima, quindi, si ha un’informazione molto importante sia sulla presenza della malattia, sia sulla sua gravità.

Ad essere più a rischio è chi ha a che fare con colesterolo e pressione alta, chi soffre di diabete o di insufficienza renale e i fumatori. In genere è un problema più raro in giovane età, ma in presenza di una predisposizione genetica può dare problemi anche tra i 35 e i 45 anni.

claudicatio intermittens

La terapia migliore per affrontare la sua comparsa è quella basata su un approccio multidisciplinare che preveda il contributo di un angiologo, di un chirurgo vascolare e di un emodinamista.

E' essenziale che queste tre figure lavorino insieme

sottolinea Visonà, spiegando che

le indicazioni per rivascolarizzare il paziente, con un intervento chirurgico o con angioplastica, devono essere appropriate. E questo può accadere solo se il paziente viene analizzato a 360 gradi, grazie alla presenza di un team multidisciplinare. Solo questa è un’organizzazione vincente.

Nel video in apertura di questo post trovate qualche informazioni in più sulle procedure chirurgiche che possono essere utilizzate per porre rimedio al problema.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail