Attenzione all'allergia alla penicillina, potrebbe non esistere

Due diversi studi gettano forti dubbi sui numerosi casi di ipersensibilità a questo diffusissimo antibiotico. Ecco perché

Credete di essere allergici alla penicillina? Potreste sbagliarvi di grosso anche se ricordate benissimo quella volta che assumendo questo antibiotico vi siete trovati ad avere a che fare con sfoghi cutanei o altre manifestazioni allergiche. Secondo gli esperti che si sono riuniti in questi giorni ad Atlanta in occasione del convegno scientifico annuale dell'American College of Allergy, Asthma and Immunology (ACAAI) sarebbe il caso che di rivolgervi a un allergologo e di sottoporvi a un test cutaneo per verificare la reale esistenza dell'allergia. Due diversi studi presentati durante il convegno hanno infatti svelato che nella stragrande maggioranza dei casi la presunta allergia alla penicillina in realtà non sussiste.

Il primo studio, presentato ad Atlanta dall'allergologo della Mayo Clinic Thanai Pongdee, ha svelato che il 94% dei 384 individui coinvolti, tutti convinti di essere allergici alla penicillina, erano negativi ai test allergologici. Il secondo, invece, ha svelato che nessuno dei 38 pazienti presumibilmente allergici era positivo ai test cutanei.

allergia penicillina

Come ha spiegato Pogdee

non succede molto spesso che un medico metta in dubbio la supposizione che il paziente sia ancora allergico. In molti non si rendono conto che è una condizione che il paziente può perdere nel corso del tempo.

In questo modo, però, si finisce per utilizzare altri antibiotici che oltre che più costosi possono essere anche più tossici e meno efficaci. Per questo James Sublett, presidente eletto dell'ACAAI, ricorda che

quando vi viene detto che siete allergici a qualcosa è importante essere visitati e testati da un allergologo, che ha la preparazione specialistica necessaria per una diagnosi e un trattamento adeguato.

Nel caso in cui i test dovessero confermare i sospetti di allergia sarà lo stesso medico a suggerire antibiotici alternativi. In tutti gli altri casi evitare le penicilline, principi attivi efficaci nel trattamento di molte diverse infezioni, da quelle alla gola a quelle all'orecchio, è assolutamente inutile e può portare ad affrontare non solo costi maggiori, ma anche più rischi di effetti collaterali.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | EurekAlert!; Medical Daily

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail