L'emangioma capillare: cause e trattamenti

L'emangioma capillare è una neoformazione benigna costituita da un agglomerato anomalo di vasi capillari che compare sulla cute o sugli organi interni. Vediamo le cause e come si cura

L’emangioma capillare, o semplicemente angioma, è una neoformazione di natura benigna provocata dalla proliferazione anomala di vasi capillari che formano delle lesioni scure circoscritte che possono formarsi sia sulla pelle (emangioma capillare superficiale), che sulle mucose (bocca, genitali) e negli organi interni (ad esempio nel fegato: emangioma epatico).

Queste neoformazioni, veri e propri tumori vascolari innocui, se compiono sulla cute, vengono comunemente definiti “voglie”, e appaiono come delle macchie vinose o bluastre più o meno estese e lievemente rilevate.
Emangioma-capillare

Molto comuni nel neonato, gli emangiomi capillari (che in questo caso si definiscono immaturi) spesso regrediscono da soli, ma talvolta restano permanenti, diventando una caratteristica anatomica del soggetto. In casi più rari gli emangiomi capillari sono però, come abbiamo anticipato, “profondi”, e si formano in un organi interni (laringe, fegato) o in tessuti e mucose tra cui quelle genitali e rettali.

Non sono note le cause della formazione degli emangiomi capillari, anche se si ipotizza una sorta di “errore” nella differenziazione dei tessuti che devono andare a costruire i vasi capillari, ad ogni modo non si tratta di una lesione maligna, pertanto, se circoscritta e non presente in zone o in organi in cui possa creare fastidio, non viene trattata.

Nel caso di un emangioma al fegato, ad esempio, si interviene con la rimozione chirurgica solo se la neoformazione si espande e rischia di provocare emorragie, mentre sulla cute si evita di agire con il bisturi. Nel caso dei neonati a volte può essere risolutiva una cura a base di cortisone (ad esempio prednisone), somministrato per diversi cicli fino a riduzione dell’angioma.

Si consiglia la terapia per gli emangiomi capillari immaturi del neonato quando siano davvero troppo estesi, generino problemi di natura estetica (capita quando l’emangioma si formi sul viso ricoprendone una buona parte, o sia presente sulla punta del naso o nella zona oculare) e possano creare infezioni. Sarà l’angiologo che deciderà quale sia il trattamento più corretto per il problema a seconda della sua gravità e delle sue caratteristiche.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail