I grani di miglio sul viso: le cause e come toglierli

I grani di miglio sono delle piccole cisti cutanee di colore giallastro, benigne ma antiestetiche. Vediamo perché si formano e come eliminarli

I grani di miglio, o punti bianchi, sono dei piccoli foruncoli che compaiono sul viso, in particolare delle donne. Si tratta, tecnicamente, di piccole cisti di cheratina, di colore giallastro, a metà strada tra brufoletti e comedoni, che si formano soprattutto nella zona palpebrale, sulla fronte, sulle guance e sul mento, ovvero le zone del volto che sono più ricche di ghiandole sebacee e peletti sottili e corti (vello, la tipica peluria da “pesca” trasparente).

I grani di miglio non sono pericolosi ma solo antiestetici, e all’origine della loro comparsa ci sono diverse cause. Ad esempio ustioni e microtraumi, una pulizia del viso troppo aggressiva, oppure, al contrario, un uso improprio del make up con cosmetici di cattiva qualità, non traspiranti e che non vengono adeguatamente rimossi dalla cute.
Grani-di-miglio

A lungo andare i follicoli piliferi del vello possono ostruirsi e dare origine ai punti bianchi. Altra possibile causa è una immaturità delle ghiandole sebacee, che non riescono a formarsi completamente e originano i piccoli foruncoli di cheratina. Attenzione anche alle abrasioni, ai raggi solari e alle lampade abbronzanti, e al freddo, tutti fattori che predispongono alla formazione dei grani di miglio.

Anche se più frequente nei soggetti femminili, questo inestetismo può colpire gli uomini di ogni età e persino i neonati. Come eliminare i grani di miglio? Esistono diverse soluzioni dermatologiche, più o meno invasive, e alcuni rimedi naturali.

Nel neonato non c’è bisogno di alcuna terapia, perché i punti bianchi si riassorbono da soli, mentre nell’adulto devono essere eliminati chimicamente (peeling con acidi) o rimossi. Nel secondo caso si effettua un’incisione con il bisturi sulla superficie del foruncolo e si spreme il materiale che contiene, oppure si bruciano con la laserterapia.

Si tratta, naturalmente, di procedimenti che vengono effettuati dal dermatologo nel proprio studio. Per quanto riguarda i rimedi naturali, essi sono volti alla sola prevenzione dei grani di miglio, perché una volta formati non si possono eliminare solo con le cure dolci.

La prima cosa da fare è quella di pulire sempre molto bene la pelle dalle impurità e dal trucco ma usando saponi delicati e antinfiammatori (di Marsiglia, di Aleppo, agli oli essenziali di lavanda, rosa, Neem eccetera).

Una volta alla settimana si dovrebbe effettuare una maschera esfoliante e ridurre al mimino o eliminare del tutto l'uso di detergenti e creme a base di petrolati (come l’olio di paraffina) siliconi e vaselina, sostanze che soffocano la pelle.

I grani di miglio si prevengono anche con una dieta quanto più salutare possibile, ricca di vitamine, fibre e antiossidanti contenuti in frutta, verdura, legumi, cereali integrali. Infine, occhio ai prodotti cosmetici che acquistate. Scegliete solo trucchi di ottima qualità possibilmente anallergici.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail