L’obesità aumenta il rischio di perdere il lavoro

Le persone obese rischiano maggiormente di perdere o di non ottenere un lavoro? Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Le persone obese o che sono in sovrappeso sono considerate meno desiderabili da parte di potenziali datori di lavoro, e ciò potrebbe comportare dei problemi a livello lavorativo. Sarebbe questo quanto emerso dai dati raccolti attraverso un sondaggio delle Risorse Umane, dal quale sarebbe emerso che i potenziali datori di lavoro percepiscono come meno produttivi gli impiegati obesi. Nello specifico, dal sondaggio sarebbe emerso che più della metà dei datori di lavoro considererebbe l'obesità come una caratteristica indesiderabile.

Questi risultati seguono quelli emersi da una precedente ricerca, secondo cui le persone obese sarebbero meno produttive sul posto di lavoro e più inclini ad essere oggetto di pregiudizio.

In questa nuova indagine si è voluto misurare il livello di stereotipi negativi cui sono soggette le persone obese durante il processo di reclutamento per un lavoro, ed i risultati avrebbero mostrato che di fronte a due candidati con caratteristiche identiche – fra i quali la sola differenza sta solamente nel fatto che uno è obeso - oltre la metà degli intervistati ha detto che preferirebbe assumere il candidato 'normale', vale a dire quello “normo-peso”.

lavoro obesi

Inoltre, oltre un terzo degli intervistati avrebbe ammesso di non riuscire ad essere imparziale nei confronti di candidati obesi, ed il 56% avrebbe affermato che l'obesità rappresenta per loro un indicatore valido per determinare il carattere del candidato e le sue possibili prestazioni lavorative. Insomma, a causa del peso eccessivo, dei potenziali datori di lavoro potrebbero sperperare le qualità dei candidati per via di uno stereotipo negativo.

“I risultati dello studio confermano il problema di parzialità affrontato dalle persone obese durante il processo di reclutamento e di selezione, - spiega l'autore della ricerca Thomas Mansfield - e ciò potenzialmente significa che il candidato più qualificato non viene scelto. Ciò evidenzia il fatto che le persone continuano a mantenere presupposti stereotipati sulle persone obese, ovvero che sono responsabili del loro peso e che gli eventuali problemi di cui soffrono sono auto-inflitti, senza considerare che potrebbe esserci in realtà una condizione medica di base”.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | DailyMail

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail