I sintomi dell'infiammazione del menisco, le possibili cause e la cura

I menischi sono gli "ammortizzatori" del ginocchio, spesso soggetti a lesioni e infiammazioni. Vediamo sintomi e terapie

Quando si avverte un dolore improvviso al ginocchio, e magari questo sia associato a tumefazione, una delle prime cose a cui si pensa è che sia intervenuta una lesione al menisco o ai menischi. Questi sono delle strutture a forma di mezzaluna, costituite di tessuto cartilagineo- fibroso, che si trovano tra il femore (l’osso della coscia), e la tibia (il principale osso della gamba), proprio come due cuscinetti.

I menischi (due per ginocchio, uno posto lateralmente, e l’altro in zona mediale), hanno il compito di fungere da “ammortizzatori” dell‘articolazione permettendo lo scorrimento delle ossa.
Infiammazione-menisco
Dal momento che l’articolazione del ginocchio è una delle più delicate del corpo perché soggetta a notevoli sollecitazioni – soprattutto se siamo degli sportivi – ogni sua parte, menischi inclusi, può essere soggetta a traumi, lesioni e infiammazioni.

Come facciamo a capire che il dolore che proviamo è provocato proprio da un problema al menisco? In realtà, non possiamo essere noi a stabilirlo, ma un ortopedico, ad ogni modo i sintomi che possono farci sospettare una infiammazione da trauma o usura di questi piccoli “dischi" di cartilagine sono:


  • Dolore, che si avverte sul lato interno del ginocchio in caso di lesione al menisco mediale, e sul lato esterno in caso di lesione al menisco laterale
  • Gonfiore e arrossamento del ginocchio
  • Senso di calore
  • Difficoltà a muovere l’articolazione e a piegare il ginocchio
  • Rumori di “scatto” quando si flette il ginocchio

La flogosi può avere diverse cause ma le principali sono due: infiammazione traumatica da microlesioni, comune tra chi pratica sport che impegnano molto le articolazioni del ginocchio come il basket, lo sci, il rugby, il tennis, o lavori che usurano precocemente le ginocchia; e artrosi (lesione degenerativa del menisco) o meniscosi dell’anziano (meniscopatia degenerativa).

Per risolvere il primo tipo di disturbo infiammatorio ci sono diverse strade a seconda della gravità. Se è un problema lieve bastano riposo, una borsa del ghiaccio sulla parte e applicazione di pomate antinfiammatorie, in genere dolore e tumefazione regrediscono da sole nel giro di qualche settimana. Se, però, la lesione all’origine della flogosi è più importante, allora si può procedere per via chirurgica asportando la parte di menisco lesionata e ricucendola se lacerata.

Questo tipo di intervento si effettua in artroscopia, una tecnica mininvasiva che sfrutta l’ausilio di una sonda (artroscopio) a fibre ottiche inserita nell'articolazione attraverso minincisioni. Può essere utile anche l’ausilio di un tutore o delle stampelle per qualche periodo. Dopo l’intervento è necessario seguire una riabilitazione fisioterapica. Nel caso del danno da usura, quindi artrosi o meniscopatia, purtroppo non esistono cure, ma perché il deterioramento del menisco è irreversibile, però si può lenire il dolore con antinfiammatori all’occorrenza e un trattamento osteopatico.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail