Capelli rossi in estinzione? Gli esperti lanciano l’allarme

Le persone con i capelli rossi e gli occhi azzurri rischiano l’estinzione? Gli esperti lanciano l’allarme in Scozia!

I cambiamenti climatici stanno portando con sé una serie di danni davvero molto gravi in tutto il mondo, e fra questi, potrebbe esservi anche il rischio di estinzione per le persone con i capelli rossi. Secondo gli esperti, sembra infatti che le persone con i capelli rossi e gli occhi azzurri potrebbero estinguersi entro poche centinaia di anni. A lanciare l’allarme sarebbero stati i membri della ScotlandsDNA, secondo cui i capelli rossi, in Scozia, in Irlanda e nel nord dell'Inghilterra, non sono altro che il risultato dell’adattamento al clima ed alla mancanza di sole che caratterizza queste regioni.

Secondo gli esperti, il color zenzero permetterebbe infatti di ottenere il massimo di vitamina D da quel poco sole che c'è in queste zone. Insomma, il gene dei capelli rossi sarebbe una risposta evolutiva alla mancanza di sole in Scozia, Paese in cui le persone dai capelli rossi rappresentano in effetti il 13% della popolazione.

capelli rossi si stanno estinguendo

Dal momento che le condizioni climatiche stanno drammaticamente cambiando però, gli esperti ritengono che, se la Scozia diventerà davvero più soleggiata, nel giro di pochi secoli questa particolare caratteristica potrebbe estinguersi del tutto.

Tali teorie non sono però unanimemente condivise. Joshua Akey, professore associato di scienze del genoma presso l'Università di Washington, ha ad esempio respinto le argomentazioni secondo cui i capelli rossi e gli occhi azzurri spariranno entro un secolo. "Non vi è alcun fondamento scientificamente convincente - avrebbe infatti fatto sapere il professore - che confermi l'affermazione che i capelli rossi si estingueranno in 100 anni".

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto | da Flickr di d i l l w e e d

via | Huffingtonpost.co.uk

  • shares
  • Mail