Demenza, gli esercizi olistici aiutano a tenerla sotto controllo

Eseguire degli esercizi olistici potrebbe migliorare le condizioni di salute di pazienti affetti da demenza.

Gli esercizi olistici potrebbero apportare degli enormi benefici ai pazienti che soffrono di demenza, una condizione alla quale sono spesso associate anche depressione e declino mentale e fisico. A sottolineare gli effetti benefici degli esercizi olistici sarebbero stati i membri della Teesside University nel Regno Unito, che hanno condotto uno studio in collaborazione con la Alzheimer's Society, e che hanno scoperto che i pazienti affetti da demenza che eseguivano questo tipo di attività, avrebbero effettivamente registrato dei miglioramenti da un punto di vista fisico e psicologico.

Per giungere a tale conclusione, gli esperti avrebbero chiesto la partecipazione di quindici volontari di età compresa fra i 52 e gli 86 anni. Otto partecipanti erano affetti da demenza, 5 erano caregivers (ovvero familiari che accudivano queste persone) e 2 volontari.

Gli autori dello studio hanno quindi scelto di intraprendere un programma chiamato Happy Antics, un piano di esercizio olistico (una combinazione tra attività cognitive ed elementi di yoga, tai chi, Qigong e meditazione) che integra i movimenti fisici ed attività che coinvolgono anche il piano mentale ed emozionale del paziente.

I partecipanti avrebbero quindi preso parte a diverse sessioni di esercizi, di cui il primo consisteva nell’osservare un oggetto, ascoltarne la descrizione, e poi porre delle domande in merito a tale oggetto. Successivamente i volontari hanno preso parte a degli esercizi di riscaldamento ed hanno poi eseguito l'esercizio fisico che comprende movimenti ispirati allo yoga, tai chi, Qigong e meditazione.

demenza

Le varie sessioni si sono concluse con una breve attività di meditazione guidata, concentrata in particolar modo sulla respirazione e sulla consapevolezza di sè.

Ebbene, stando a quanto emerso dalla ricerca, i cui risultati sono stati pubblicati sulle pagine del Journal of Bodywork and Movement Therapies, sembra innanzitutto che i partecipanti abbiano affermato di aver tratto giovamento dagli esercizi eseguiti. Inoltre, stando a quanto osservato durante l’ultima sessione, pare anche che alcune delle persone affette da demenza, riuscissero a ricordare alcuni movimenti fisici associati alla musica e ad anticiparli, mentre tre dei volontari affetti da demenza riuscivano a ricordare proprio la sequenza dei movimenti. Effetti benefici sarebbero stati peraltro riscontrati anche nei care-givers, il cui compito – come potrete immaginare – non è affatto semplice.

Insomma, stando quanto emerso dalla ricerca, grazie a dei programmi di esercizi olistici come quelli presenti nel programma “Happy Antics”, i pazienti affetti da demenza potrebbero in effetti trarre benefici sia psicologici che fisici.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Medicalxpress.com

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail