Amilasi alte: le cause e le terapie da seguire

Le amilasi sono degli enzimi prodotti soprattutto dalle ghiandole salivari e dal pancreas, che servono per il metabolismo degli amidi. Vediamo cosa significa quando il loro livello ematico è troppo alto

Le amilasi sono degli enzimi responsabili del metabolismo degli amidi (quindi dei cibi contenenti carboidrati), prodotte da diversi organi.

Nello specifico, a secernere questi enzimi (che a loro volta si differenziano a seconda della fase digestiva in cui vengono coinvolte), sono soprattutto le ghiandole salivari (fino al 60%), il pancreas (35-40%), mentre la percentuale restante viene prodotta da polmoni, fegato, reni.

Mobile Medical Clinic Treats Mexican Immigrants In Denver
L’enzima prodotto dalle ghiandole salivari viene chiamato ptialina, mente a livello pancreatico prende il nome di amilopsina. In condizioni di salute, la concentrazione ematica di amilasi negli individui adulti ha valori compresi tra le 10 e le 220 Unità/litro. Ma cosa accade se, invece, le analisi ci svelano che il loro livello è più elevato della norma (amilasemia)? Le cause possono essere diverse, ecco una lista delle principali:


  • Ostruzione delle ghiandole salivari (può accadere quando si viene colpiti dalla parotite, o orecchioni)
  • <li Pancreatite acuta

  • Cancro al pancreas e malattie del pancreas o del fegato
  • Malattie ovariche o ginecologiche tra cui tumori (perché una parte della amilasi viene prodotta anche dalle Tube di Falloppio)


  • Insufficienza renale (in questo caso le amilasi non vengono correttamente smaltite dai reni e si concentrano nelle urine, disturbo noto come iperamilasuria)
  • Calcoli alla colecisti e alle vie biliari che provocano ostruzione dei dotti biliari e infiammazione della cistifellea o del pancreas
  • Fibrosi cistica, una malattia genetica molto grave
  • Gastroenterite virale (la comune influenza intestinale, in questo caso le amilasi alte sono transitorie)
  • Occlusione intestinale
  • Gravidanza ectopica (o extrauterina)
  • Morbillo
  • Ulcera peptica perforata< /li>

Come si può facilmente intuire, a tante cause diverse devono necessariamente seguire terapie diverse. In ogni caso, i sintomi delle amilasi alte sono in genere di tipo digestivo, con la comparsa di nausea e di vomito, di dolori addominali e diarrea.

Altri sintomi, a seconda della causa scatenante sono malessere generale con febbre, affanno, pressione bassa e debolezza, disidratazione. Per la diagnosi occorre quindi che il medico si basi non solo sull’esame del sangue quanto sull’anamnesi dello stato generale di salute e su altri esami più specifici come TAC addominali, gastroscopia o test delle urine.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail