Ulcera peptica: sintomi, cause e cure efficaci

L'ulcera peptica è una vera e propria ferita che si apre all'interno della mucosa di stomaco o duodeno, per cause diverse. Scopriamo i sintomi e le cure da fare

L’ulcera peptica è una ferita che si produce all’interno della mucosa di un’area del tubo digerente, e a seconda dell’organo in cui si manifesta, viene definita gastrica, duodenale o esofagea. Perché si forma l’ulcera, e quali rischi si corrono?

Si tratta di un disturbo molto comune, spesso sottovalutato, anche se i suoi sintomi sono alquanto dolorosi. In passato si tendeva ad attribuire la “colpa” della tendenza a sviluppare ulcere, all’alimentazione, in particolare al caffè, alle spezie piccanti, ai cibi grassi di origine animale.
Ulcera-peptica
In realtà, oggi si è scoperto che una buon parte delle ulcere, seppure aggravate anche da una dieta inappropriata, è provocata da un batterio – l’Helicobacter Pylori – che di norma vive in totale commensalismo nelle mucose del nostro tubo digerente, ma che in determinate condizioni di squilibrio può provocare infiammazioni e, quindi, che ulcere.

Le condizioni ambientali che possono favorire l’ulcera sono, in primo luogo, l’abuso di farmaci FANS con effetto irritante sulle pareti di stomaco, esofago e duodeno, come ad esempio quelli a base di acido acetilsalicilico. Bevande alcoliche, fumo e stress, possono quindi alterare ulteriormente l’equilibrio della mucosa gastroduodenale e favorire una eccessiva produzione di acido cloridrico, a sua volta responsabile di provocare queste ulcerazioni.

I sintomi dell’ulcera peptica sono soprattutto bruciore e dolore a digiuno, con fitte che si manifestano nel quadrante superiore dell’addome concentrandosi in punti diversi a seconda ella zona in cui si apre la ferita. Ad esempio, l’ulcera duodenale produce un dolore verso la parte destra dell’addome, mentre una esofagea farà dolere tutta la zona sternale e retro sternale. In caso di ulcera perforata, con sanguinamento, si possono avare sintomi più gravi come dimagrimento e anemia.

Il dolore insorge a stomaco vuoto e spesso si manifesta durante la notte. L’ulcera peptica si diagnostica attraverso una visita accurata dal gastroenterologo, ed esami specifici tra cui la gastroscopia e il test del respiro (breath test per individuare la contaminazione da Helicobacter Pylori).

Le cure sono diverse, se, ad esempio, la causa è il batterio, si debellerà con la somministrazione di un antibiotico, mentre se all’origine ci sono stress e dieta sbagliata, si dovrà cercare di spegnere i sintomi con la somministrazione di farmaci antiacido, anti-ulcera (che riducono la produzione di acido cloridrico), e con un’alimentazione sfiammante.

Detto questo, bisogna agire anche sulla prevenzione e sulla modifica dello stile di vita. Smettere di fumare, mangiare cibi sani e leggeri, masticando ogni boccone lentamente, non restare mai troppo a lungo a stomaco vuoto, assumere integratori a base di aloe vera (con effetto sfiammante e cicatrizzante sulla mucosa ferita), così come ridurre il sovrappeso e i livelli di stress, sono altrettante ottime abitudini e rimedi semplici che aiutano a guarire dall’ulcera peptica.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail