Testosterone basso negli uomini e nelle donne: le cause

Testosterone-basso.jpgIl testosterone è un ormone maschile che viene prodotto, in percentuale molto inferiore (di 50 volte circa) anche dalle donne attraverso le ghiandole surrenali. Negli uomini, invece, sono i testicoli che "si occupano" di secernere questo ormone, così importante per il benessere psicofisico.


E' il testosterone, infatti, che regola il tono muscolare, i livelli di energia fisica e l'umore, la concentrazione mentale e, naturalmente, la libido maschile e femminile. Bassi livelli di questo ormone possono perciò provocare una serie di effetti negativi a cascata. Tra questi il calo del desiderio, la perdita di massa muscolare, disturbi cardiaci, aumento del colesterolo LDL (quello pericoloso), tendenza all'accumulo di grasso addominale, e aumento della glicemia con rischio di diabete.

Il calo nei livelli di testosterone negli uomini si verifica soprattutto dopo i 50 anni, età in cui sarebbe infatti consigliabile sottoporsi ad un dosaggio ormonale per verificare la propria situazione. Anche le donne, con l'età, possono produrre meno testosterone, cosa che crea disturbi fastidiosi come irritabilità, insonnia, sudorazione aumentata. Ma quali sono i livelli normali e quando, invece, ci si deve preoccupare?


Un uomo adulto in buona salute produce circa 6 mg di testosterone al giorno, e i valori ematici ottimali si situano tra i 350 e i 1000 nanogrammi per ml di sangue. Nelle donne, invece, i valori sono logicamente molto inferiori, ovvero tra gli 0,06 e gli0,82 nanogrammi per ml di sangue, ma è bene che non si scenda sotto questi livelli di benessere. La produzione del testosterone raggiunge il picco durante la notte e la prima mattina (tra le 3 e le 9), per predisporre l'organismo a svolgere al meglio le sue attività potendo contare sul massimo dell'energia.


Quali sono le cause dell'abbassamento del testosterone nel sangue? La principale è il sovrappeso, soprattutto l'accumulo di grasso addominale. Questo accade perché il testosterone è un ormone liposolubile, pertanto viene "catturato" dalle cellule adipose e qui trasformato in un altro ormone, l'estradiolo, che produce effetti negativi sulla salute, soprattutto maschile (sembra favorire lo sviluppo del cancro alla prostata).


In linea di massima la produzione di testosterone negli uomini e nelle donne cala in modo fisiologico con l'età. Un over 50 potrà avere fino al 50% del testosterone in meno rispetto ad un giovane di 25 anni. Nelle donne questo ormone si riduce dopo la menopausa contribuendo ad abbassare la libido in modo sensibile. Come anticipato, però, le persone obese rischiano di vedere i loro livelli di testosterone precipitare anzitempo, ma lo stesso può accadere quando si sia fortemente stressati.


Lo stress è un altro fattore che riduce le concentrazioni di colesterolo nel sangue. Per evitare questo, quindi, è necessario non aumentare troppo di peso, e in particolare fare attenzione al girovita. Quest'ultimo non deve superare gli 88 cm nelle donne e i 102 negli uomini, anche per ridurre possibili rischi cardiovascolari. Anche svolgere regolare attività fisica, specialmente la mattina, aiuta le ghiandole endocrine e produrre livelli ottimali di testosterone, oltre a cercare di ridurre i propri livelli di stress.


 


 


Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail