Psicologia, come la musica cambia la percezione del gusto del cibo

Una ricerca dimostra che la musica cambia la nostra percezione del sapore di determinati alimenti. Ecco perché

Psicologia-musica-cibo.jpg


Alcuni tipi di musica hanno il potere di cambiare la percezione che noi abbiamo di determinati cibi. A scoprirlo sarebbero stati alcuni membri della University of Arkansas (Stati Uniti), secondo i quali, se la musica può arrivare ad influenzare i nostri stati d'animo, è plausibile anche che essa possa influenzare anche il modo in cui noi percepiamo il sapore di un alimento, e ciò avverrebbe in maniera più o meno evidente, in base a quale genere di musica stiamo ascoltando. "Poco ancora si sa a proposito dell'influenza del genere musicale di sottofondo sulla percezione del cibo. - spiegano infatti i membri della University of Arkansas - La maggior parte degli studi si sono concentrati su comportamenti inerenti al mangiare e fare shopping". 

Per giungere ad una conclusione, gli esperti avrebbero preso in esame un campione di 99 volontari, ai quali sarebbe stato chiesto di assumere degli alimenti che sono stati associati a determinati tipi di emozioni, ed altri ai quali generalmente non vengono associate particolari emozioni. Nel primo gruppo, rientrano ad esempio latte e cioccolato.


 


Detto questo, mentre mangiavano, ai volontari sarebbe stata fatta ascoltare musica classica, jazz, hip hop oppure musica rock. Dopodich, i partecipanti allo studio sarebbero stati interrogati in merito al sapore degli alimenti che stavano mangiando. Ebbene, stando a quanto emerso, sembrerebbe che il Jazz renda più buono il sapore del cioccolato. Lo stesso non si può dire però per i peperoni, che potrebbero essere percepiti come "più gustosi" se mangiati con un altro genere di musica.


 


Insomma, a quanto pare è proprio vero che un determinato tipo di musica potrebbe portarci a percepire in maniera diversa un tipo di cibo, come spiegano gli stessi autori della ricerca: "L'ambiente acustico gioca un ruolo importante. - spiega Thomas Hummel, membro della Technische Universitat di Dresda - Ci permette di mangiare più velocemente, ci lascia più un senso di fame, cambia la piacevolezza dei cibi e trasforma il cibo normale in qualcosa di speciale".


 


Bene a sapersi, non trovate? 


 


via | La Stampa


Foto | da Pinterest di Patti Adams

  • shares
  • Mail