Tumore, troppo sole può causare metastasi da melanoma

Una ricerca spiega che in presenza di melanoma, troppo sole aumenta il rischio di metastasi

troppo-sole-pelle-melanoma.jpg


Esporsi troppo al sole aumenta il rischio di formazione di metastasi da melanoma. A renderlo noto sarebbero stati dei ricercatori tedeschi, che hanno lavorato in collaborazione con i membri dell'Irccs Ospedale San Raffaele di Milano. Proprio i ricercatori del San Raffaele coordinati dal dottor Marco Bianchi avevano scoperto, ben 12 anni fa, che quando una cellula è eccessivamente stressata o muore, rilascia la proteina HMGB1, ribattezzata 'allarmina', dal momento che segnala al sistema immunitario la presenza di cellule morte o appunto particolarmente stressate.

Partendo da tale scoperta, gli studiosi avrebbero constatato che quando la pelle è esposta per troppo tempo al forte sole, essa si arrossa, e le cellule iniziano a rilasciare appunto l'allarmina. Questa, richiama i globuli bianchi neutrofili (il cui compito è quello di combattere le infezioni) dalla circolazione sanguigna.


 


In presenza di melanoma, come spiegano gli esperti, ciò avviene ugualmente, solo che anche le cellule del melanoma "rilasciano allarmina e richiamano neutrofili che, a loro volta, liberano la molecola Tnf. Quest'ultima induce le cellule del melanoma a disseminarsi producendo metastasi". E' così stato spiegato per quale ragione, in presenza di melanoma, possano appunto diffondersi le metastasi.


 


"Una scottatura per troppo sole è sempre da evitare e a maggior ragione se sulla pelle è presente un melanoma, poiché, anche se molto piccolo, c'è il rischio di metastasi. - spiegano gli autori della ricerca - Ed è questa tendenza alla migrazione a rendere i melanomi particolarmente pericolosi: se il tumore primario spesso può essere asportato con successo, le metastasi rispondono molto poco alle cure. Se riuscissimo a catturare l'allarmina appena rilasciata dalla pelle irritata dall'insolazione, - concludono gli esperti, il cui studio  stato pubblicato sulle pagine della rivista scientifica Nature - potremmo bloccare sul nascere le metastasi del melanoma. E forse potremmo bloccare anche le metastasi di altri tumori in altre situazioni in cui è coinvolta l'infiammazione. Questo lavoro è un esempio di una ricerca di base che sta dimostrando importanti ricadute applicative".


 


Foto | da Pinterest di S C


via | Ansa

  • shares
  • Mail