Il bullismo fa male alla salute anche anni dopo averlo subito

Chi subisce bullismo sta male anche a distanza di anni dopo averlo subito, sia a livello psicologico che fisico

Bullismo-conseguenze.jpg


Il bullismo fa male non solo nel momento in cui se ne è vittime, ma anche molti anni dopo, ed a dimostrarlo ci pensa una ricerca pubblicata sulle pagine della rivista Pediatrics, secondo cui più a lungo si è vittime di atti di bullismo, più a lungo si soffrirà sia a livello psicologico che a livello fisico, negli anni successivi. A condurre la ricerca sarebbero stati i membri del Boston Children's Hospital, coordinati dalla dottoressa Laura Bogart, che con questo studio sottolineano quanto sia importante intervenire il prima possibile quando si assiste o si è vittime di episodi di bullismo

Gli autori della ricerca avrebbero preso in esame un campione di ben 4300 bambini e adolescenti, i quali sarebbero stati monitorati da un punto di vista fisico e psicologico per un periodo di diversi anni, mediante delle interviste periodiche.


 


Durante i colloqui i volontari parlavano anche del bullismo subito, facendo emergere un dato importante, ovvero quello secondo cui coloro che sono costretti a subire angherie dai compagni di scuola, soffrirebbero di peggiori condizioni mentali e fisiche anche negli anni a venire. Inoltre, si registrerebbe anche un aumento di sintomi della depressione e una minore autostima. Tali sintomi purtroppo non scemano con il trascorrere degli anni, ma anzi, chi aveva subito fenomeni di bullismo cronico durante gli anni della scuola, avrebbe avuto addirittura problemi nello svolgimento di attività considerate normali come camminare, correre o partecipare a delle attività sportive.


 


"I nostri studi mostrano che il bullismo a lungo termine ha un impatto grave sulla salute generale del bambino e che i suoi effetti negativi possono accumularsi e peggiorare la situazione nel corso del tempo", spiegano gli autori della ricerca, una ricerca che dovrebbe far riflettere adulti e ragazzi, soprattutto quei ragazzi che si sentono in diritto - chissà perché poi - di rovinare la vita dei propri compagni di scuola.  


 


via | Agi


Foto | da Pinterest di Nikki Robinson

  • shares
  • Mail