Candida, l'aglio non è un rimedio utile

Degli studiosi analizzano l'effetto dell'aglio come rimedio naturale contro la candida

candida-aglio.jpg


Assumere aglio sperando che questo possa ridurre il problema della candida non è considerabile un rimedio esattamente utile. A rivelarlo sarebbe stata una ricerca condotta dai membri della University of Melbourne e del Royal Women's Hospital, che avrebbero cercato di comprendere se davvero, come fa sapere la tradizione popolare, l'aglio possa effettivamente migliorare la situazione per chi soffre di candidosi vaginale

Ebbene, stando a quanto emerso dallo studio, recentemente pubblicato sulle pagine della rivista "British Journal of Obstetrics and Gynaecology", pare proprio che questo presunto rimedio della nonna non sia poi così efficace come si pensa. Per giungere a tale conclusione gli esperti avrebbero preso in esame un campione di 63 donne affette dalla candidosi, alle quali è stato chiesto di assumere due volte al giorno, per un periodo di due settimane, tre compresse di aglio oppure un placebo.


 


Stando a quanto emerso dalle successive analisi di laboratorio, sembrerebbe che le donne che avevano assunto le compresse di aglio non avrebbero riportato miglioramenti significativi rispetto a quelle che avevano invece assunto il placebo. Insomma, con somma delusione per gli amanti dei rimedi naturali e casalinghi, pare proprio che l'aglio non possa rientrare fra le terapie utili per combattere efficacemente la candida.


 


«Molte donne - spiega la dottoressa Cathy Watson - hanno difficoltà nel trattamento del mughetto, e le (CAM) terapie complementari e alternative sono molto popolari. Il nostro studio mostra che in questo campo dovrebbero svolgersi maggiori indagini per informare correttamente il pubblico sui benefici delle terapie alternative».


 


via | La Stampa


Foto | da Pinterest di Matt >

  • shares
  • Mail