Come fluidificare il muco con le tisane naturali

Quando ci si ammala di infezioni alle vie respiratorie si produce molto muco. Scopriamo come fluidificarlo con le tisane naturali alle erbe

Fluidificare-muco.jpgSono diverse le malattie da raffreddamento che possono provocare la produzione di muco e farci sentire intasati e congestionati. La bronchite acuta, la sinusite e il raffreddore sono tutte infezioni di origine soprattutto virale che si manifestano con sintomi come tosse, difficoltà a respirare, mal di gola, secrezioni di muco dense e difficili da eliminare.


Per espettorare il catarro bronchiale o il muco che si accumula nei seni nasali è necessario fluidificare queste secrezioni infette, e per ottenere questo risultato non sempre i farmaci sono sufficienti. Spesso l'assunzione di sciroppi sedativi e mucolitici o di soluzioni nasali non è sufficiente a liberare le vie respiratorie. 

Ecco perché può essere utile ricorrere ai classici rimedi naturali "della nonna", come il latte caldo con il miele (efficacissimo come fluidificante del catarro) e le tisane alle erbe. I rimedi fitoterapici con effetto balsamico, decongestionante ed espettorante, oltre che antinfiammatorio, sono diverse, e si possono assumere facilmente e piacevolmente sotto forma di infusi caldi. Il calore e il vapore acqueo, infatti, già di per sé sono in grado di "sciogliere" il muco denso e aiutarne l'eliminazione. 


Ecco le tisane naturali consigliate:



  • Timo. E' indicato per le secrezioni dense che intasano il naso rendendo molto difficoltosa la respirazione. Si prepara con 4 g di estratto secco (si trova in erboristeria) per 200 g di acqua bollente, dove il timo deve restare in infusione per qualche minuto. Si procede poi a filtrare il liquido che potrà essere bevuto. Per potenziare l'effetto fluidificante si può dolcificare la tisana con un cucchiaino di miele e assumerla tre volte al giorno dopo i pasti principali

  • Zenzero. Ottima per decongestionare le vie respiratorie e disinfettare il cavo orale. Si preparara con 2 cucchiai di polvere o 25 g di radice fresca grattugiata in 500 ml di acqua bollente da consumare due volte al giorno anche per periodi molto lunghi (non ha controindicazioni)

  • Altea. Anche questa pianta ha propreità emollienti e lenitive. Si prepara l'infuso con 5 g di foglie e fiori in 200 ml di acqua bollente da assumere due volte al giorno

  • Un'ottima tisana fluidificante, infine, si può preparare con diverse piante officinali con effetto balsamico e fluidificante delle secrezioni. Servono 25 g di eucalipto (estratto secco), 25 g di gemme di pino silvestre, 25 g di timo e 25 g di malva. Si lascia in infusione la miscela per qualche minuto in 200 ml di acqua bollente. Si filtra il tutto e si beve la tisana due-tre volte al giorno dolcificandola con poco miele fino a regressione dei sintomi


 


Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail