La dieta mediterranea riduce il rischio di diabete

Diabete di tipo 2: i rischi sono ridotti se si segue una dieta mediterranea

dieta-mediterranea-diabete.jpg


Che la dieta mediterranea facesse davvero bene alla salute, era già un fatto noto. Ebbene, recentemente gli studiosi del Dipartimento di Epidemiologia dell'Istituto Mario Negri di Milano hanno condotto una ricerca in merito al ruolo di questa dieta sulla possibilità che si sviluppi il diabete di tipo 2. Secondo quanto emerso dallo studio, seguire una dieta di tipo mediterraneo ridurrebbe infatti in maniera considerevolmente i rischi. 

Per giungere a tale conclusione, i ricercatori hanno preso in esame i dati raccolti dallo studio European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC), condotto per un periodo di 11 anni su un campione di 22.295 cittadini greci, nei quali si sarebbero verificati 2.330 casi di diabete tipo 2.


 


Analizzando l'alimentazione dei volontari, sarebbe emerso che coloro che più aderivano alle regole della dieta mediterranea avrebbero visto ridursi i rischi di diabete del 12%. Inoltre, pare che anche il carico glicemico (GL) giochi un ruolo molto importante in tal senso. Chi infatti aveva un livello più alto di GL, rischiava di soffrire di diabete tipo 2 per una percentuale maggiore del 21%. Combinando la dieta mediterranea ad un'alimentazione a base di carboidrati a basso indice glicemico, sarebbe dunque possibile ridurre il rischio di diabete addirittura del 20%.


 


Ma quale sarà la ragione dell'effetto protettivo della dieta mediterranea? Secondo la dottoressa Federica Turati la spiegazione potrebbe trovarsi nell'olio extravergine di oliva, "ricco di grassi monoinsaturi e povero di grassi saturi", sottolinea l'esperta.


 


E per quanto riguarda invece l'indice glicemico? Secondo il dottor Carlo La Vecchia, alla base di un simile risultato vi sarebbero gli aumenti di glucosio e di insulina nel sangue che avvengono in caso di dieta con un alto carico glicemico: "L'aumentata richiesta di insulina porta a lungo andare ad un progressivo declino funzionale delle cellule beta del pancreas, e, come conseguenza, ad un alterata tolleranza al glucosio e una maggiore resistenza all'insulina, fattore predittivo del diabete". 


 


Foto | da Pinterest di Paula's Healthy Living


via | Corriere

  • shares
  • Mail