La digiunoterapia cos'è e quali sono i benefici e i rischi per la salute

La digiunoterapia consiste nell'astensione volontaria dal cibo per periodi di tempo limitati a scopo curativo o preventivo di molte patologie. Vediamo i pro e i contro

Digiunoterapia.jpgLa digiunoterapia è antica quanto il mondo, ma se nel passato l'astensione volontaria dal cibo aveva una componente religioso-spirituale molto forte, oggigiorno lo scopo è piuttosto curativo e preventivo di diverse patologie.


Sappiamo infatti che alla base di molte malattie croniche c'è l'alimentazione. Tumori, diabete, cardiopatie, malattie autoimmuni, Parkinson e Alzheimer, tanto per citarne qualcuna, sono spesso scatenate scelte dietetiche del tutto errate, da eccesso di peso e reazioni infiammatorie (allergiche) ad alcuni alimenti che non vengono digeriti.

Per sostentarsi il nostro corpo ha bisogno di cibo, perché è attraverso l'assimilazione dei principi nutritivi contenuti dei vari tipi di alimenti che noi sintetizziamo le sostanze di cui abbiamo bisogno per preservare la funzioni vitali e innescare i diversi processi biochimici negli organi e nei tessuti del corpo. Senza cibo si muore, e questo è un dato di partenza non scontato.


Tuttavia, è altresì indubbio che nelle società del benessere tendiamo a mangiare troppo e male, accumulando tossine che non vengono smaltite e che possono innescare processi ossidativi e infiammatori dannosi. La digiunoterapia parte da questo presupposto per stabilire diversi programmi di astensione dal cibo da calibrare sulle condizioni di salute e sulle caratteristiche fisiche di ogni paziente.


Lo scopo è quello di permettere al corpo di curarsi da solo, eliminando, in un processo progressivo di purificazione, tutte le sostanze tossiche di origine alimentare accumulate (inclusi residui chimici e metalli che derivano dalla conseravzione industriale dei cibi). Ecco le diverse tipologie di digiunoterapia:


Secca: prevede l'astensione dal cibo e dall'acqua per un minimo di 24 fino un massimo di 48 ore. E' indicata per eliminare le tossine attraverso le vie linfatiche e il muco accumulato a causa di infezioni alle vie aeree.


Umida: prevede l'astensione totale dal cibo ma non dall'acqua per un lasso di tempo variabile che può andare da un minimo di 4 giorni fino ad un massimo di 20. E' la digiunoterapia per eccellenza, utile per depurare il sangue da tutte le tossine


Mista: prevede un'alternanza delle precedenti forme con questa sequenza: digiunoterapia umida, secca, di nuovo umida e infine termine del digiuno


Attenuata: ci si astiene dal cibo ma si possono assumere bevande nutrienti come il latte  e i centrifugati di frutta e di verdura


La digiunoterapia è indicata per diverse patologie o condizioni pre-patologiche croniche tra cui:



  • Obesità

  • Diabete e sindrome metabolica

  • Ipertensione arteriosa

  • Vasculopatia periferica

  • Epilessia

  • Morbo di Chron e colite ulcerosa

  • Malattie della tiroide

  • Ipercolesterolemia

  • Morbo di Alzheimer

  • Morbo di Parkinson

  • Broncopneumopatie croniche ostruttive

  • Malattie reumatiche

  • Fibromialgia


Inoltre, la digiunoterapia è consigliata anche in caso di influenza e malattie stagionali da raffreddamento, sindromi allergiche acute e croniche e intossicazioni. Il corpo, opprtunamente alleggerito da tutti gli accumuli tossici che ne rallentano il metabolismo interferendo con la normale funzionalità di ghiandole e organi, dovrebbe essere da solo in grado di risolvere molte delle condizioni morbose appena descritte.


Al termine del digiuno si riprende a mangiare gradualmente, inserendo prima i cibi liquidi e poi, via via, quelli solidi. I benefici della digiunoterapia sono tali nel momento in cui, effettivamente, la persona abbia molte sostanze tossiche da smaltire e un fisico appesantito e rallentato. Non si può scegliere questa modalità terapeutica per dimagrire, e soprattutto non si deve mai fare senza l'opportuno controllo medico. Se avete deciso di seguire il digiuno terapeutico, quindi, informate il vostro medico e monitorate constantemente il vostro stato di salute.


Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail