Invecchiamento, combatterlo è possibile grazie a cioccolato, vino, tè e olio d'oliva

Ecco quali sono i cibi che rallentano davvero il normale processo di invecchiamento.

invecchiamento-cioccolato.jpg


Invecchiare è inevitabile, ma da che mondo è mondo, tutti cercano la chiave per rallentare il più possibile questo processo. Ebbene, a quanto pare il segreto dell'"eterna giovinezza" passerebbe proprio per la nostra tavola, e si chiamerebbe "antiossidante". Sarebbero infatti proprio gli antiossidanti contenuti nei cibi (molti dei quali appartenenti all'apprezzatissima dieta mediterranea) a garantire una efficace funzione anti-invecchiamento

La conferma arriva dal simposio "Phenolic derivatives for food and human health" tenutosi in occasione del 246esimo Congresso annuale dell'American Chemical Society (ACS) di Indianapolis, dove uno degli argomenti trattati sarebbe stato proprio l'invecchiamento ed i modi migliori per rallentarlo.


 


Ma quali saranno i cibi che, più di altri, aiuterebbero a tenere alla larga i segni degli anni che passano? Gli esperti segnalano in primis cacao, vino rosso, ed olio d'oliva, ma ve ne sono anche molti altri. Ad accomunare tutti questi cibi, sarebbe appunto la grande presenza di antiossidanti, dagli effetti notoriamente benefici per la nostra salute, favorendo ad esempio una riduzione del rischio di malattie cardiache, una riduzione del rischio di tumori e così via.


 


Fra i cibi che meritano attenzione, perché benefici per la nostra salute e capaci di mantenerci giovani più a lungo, troviamo anche la curcuma e lo zenzero, e non possiamo dimenticare anche i frutti di bosco ed i mirtilli, che da sempre vengono impiegati per la cura di disturbi che riguardano l'apparato urinario.


 


Tirando le somme, per una vita davvero sana e per tenere alla larga l'invecchiamento, non bisogna far altro che prestare un pizzico di attenzione in più a ciò che mangiamo, e scegliere alimenti che facciano davvero bene alla nostra salute. Più semplice di così?


 


via | La Stampa


Foto | da Pinterest di Grace Le Feuvre-Smith

  • shares
  • Mail