Allergie nei bambini: il cordone ombelicale aiuta a prevederle

Cordone ombelicale e allergie nei bambini, secondo gli esperti esiste un legame, ecco perchè

Allergia-bambini.jpg


Cordone ombelicale e allergie nei bambini: esiste un legame? Pare proprio di si, ed a constatarlo sarebbero stati i ricercatori guidati da Malin Barman della Chalmers University of Technology di Goteborg in Svezia, secondo cui, maggiore è la concentrazione di grassi omega-3 e omega-6 nel sangue cordonale, maggiore sarà la possibilità che i bambini sviluppino una forma di allergia entro l'età di tredici anni. Per confermare le loro ipotesi, i ricercatori hanno analizzato per un periodo di quindici anni un campione di 800 bambini nati nel biennio 1996-97, analizzando la possibilità che questi abbiano contratto una forma di allergia all'età di 13 anni. 

In particolar modo i ricercatori avrebbero analizzato gli 80 casi di allergie riscontrati in questo arco di tempo: 44 casi di bambini affetti da allergie respiratorie, 37 con allergie cutanee croniche, e 48 casi di bambini che non soffrivano di allergie. Dalle analisi, pubblicate sulle pagine della rivista Plos One, sarebbe quindi emerso che i bambini che, alla nascita, presentavano maggiori concentrazioni di grassi polinsaturi nel sangue del cordone, avrebbero rischiato maggiormente di diventare allergici, una volta cresciuti.


 


Per spiegare meglio il fenomeno, i ricercatori hanno rivelato che il rischio di allergia collegato al cordone ombelicale sarebbe tanto elevato quanto quello che corrono i figli di madri allergiche di sviluppare una forma allergica.


 


Ma come potrà essere spiegato un risultato del genere? Secondo gli esperti, è probabile che proprio l'alta presenza di questi grassi indebolisca il sistema immunitario del bambino, esponendolo dunque a un più alto rischio di allergie. Ad ogni modo, una ricerca del genere potrebbe senza dubbio essere molto utile per prevedere se i nostri bambini avranno o meno delle allergie da grandi.


 


via | Ansa


Foto | da Pinterest di Renown Health

  • shares
  • Mail