Ascesso polmonare, tonsillare o dentale: come avviene e come si curano

L'ascesso è una formazione purulenta originata da un focolaio infettivo. Vediamo i sintomi di quello polmonare, tonsillare o dentale

Immagine di anteprima per Ascesso-dentale.jpgUn ascesso è una sacca piena di pus che si forma a seguito di un'infezione (in genere di origine batterica) sulla pelle o internamente al corpo, a carico di organi o mucose.


Tra i più comuni troviamo gli ascessi del cavo orale, gengivali, dentali e tonsillari, e quelli cutanei come i classici foruncoli da acne attiva. Ma una formazione purulenta può interessare anche i polmoni. Vediamo perciò i sintomi di questo specifico ascesso e degli altri.

Una cavità piena di materiale purulento che si formi all'interno di uno o entrambi i polmoni, chiamata ascesso polmonare, può avere diverse cause. In genere a provocarla è un'infezione batterica piuttosto aggressiva che sia "migrata" dal cavo orofaringeo attraverso il sangue fino ai polmoni. Altre cause possono essere tumori o altre malattie polmonari che comportino un processo di necrosi, quindi infiammazioni come polmoniti, pleuriti eccetera. I sintomi sono:



  • Febbre

  • Brividi

  • Tosse con catarro maleodorante e purulento o con tracce di sangue

  • Dolori intercostali


Questo ascesso, che si diagnostica attraverso un esame radiografico, come tutti gli altri ascessi si cura con terapie antibiotiche mirate. Veniamo all'ascesso tonsillare, una classica complicazione della tonsillite acuta. La formazione di palline di pus in prossimità delle tonsille dà come sintomi:



  • Febbre

  • Mal di gola intenso

  • Difficoltà a deglutire

  • Ingrossamento dei linfonodi del collo


L'ascesso tonsillare si cura con gli antibiotici, e se la produzione di pus è abbondante, si può procedere ad un drenanggio. L'ascesso dentale può essere alquanto doloroso, infatti si tratta di una piccola sacca di pus che si forma a ridosso del dente, e che può essere di due tipi:



  • Ascesso dentale parodontale, provocato da un'infezione a carico della gengiva o dell'osso che lo sostiene

  • Ascesso dentale periapicale, che interessa la polpa dentale (i sintomi di quest'ultimo sono più sfumati, ma è facile che degeneri in gengivale)


L'ascesso dentale si annuncia con dolore al dente, alitosi, a volte febbre, gengive gonfie e ingrossamento dei linfonodi. Si cura con terapia antibiotica e analgesica, ed eventualmente con un drenaggio del pus.


 


 


Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail