Dieta mediterranea, uno studio spiega perché fa bene

Uno studio pubblicato su "PLOS One" dimostra che la dieta mediterranea è un vero e proprio elisir di lunga vita

Dieta-mediterranea-benefici.jpg


La dieta mediterranea finisce ancora una volta sotto i riflettori. E' vitstato ormai ampiamente dimostrato e confermato da studiosi di tutto il mondo che questa particolare dieta faccia bene alla salute, ma uno studio pubblicato su "PLOS One" e condotto dai ricercatori del Dipartimento di Medicina Interna e Geriatria della Seconda Università di Napoli, guidati da Giuseppe Paolisso, è andato oltre, ed ha voluto dimostrare chiaramente che, in effetti, la dieta mediterranea può essere considerata a tutti gli effetti un vero e proprio elisir di lunga vita, poiché - in parole povere - sarebbe in grado di attivare un enzima che manterrebbe le cellule giovani più a lungo. 

Al centro delle analisi, vi sarebbero stati questa volta i telomeri, ovvero la parte terminale dei cromosomi, considerati come un vero e proprio orologio cellulare, dal momento che a ogni divisione della cellula essi si accorciano, finché non raggiungono una soglia limite. Quando ciò avviene, ha inizio il processo di invecchiamento cellulare.


 


Ebbene, secondo quanto riportato, gli studiosi avrebbero analizzato i telomeri di un campione di 217 anziani, e dalle analisi sarebbe emerso che in coloro che seguivano in maniera più precisa la dieta mediterranea (bilanciando quindi il consumo di frutta, verdura, legumi, cereali e pesce, e diminuendo quello di grassi animali) si sarebbero registrati effetti benefici sulla telomerasi, attivando un enzima che permette di costruire i telomeri impedendone quindi l'accorciamento.


 


"Sapevamo già che la dieta mediterranea si 'oppone' all'accorciamento dei telomeri: - ha spiegato Giuseppe Paolisso - siamo perciò andati a valutare i telomeri dei globuli bianchi dei partecipanti allo studio per capire se e soprattutto come l'alimentazione incida sulla loro lunghezza".


 


Ebbene, i risultati parlano chiaro: "Tanto più i soggetti seguivano una dieta mediterranea, quanto più risultava attivo l'enzima - spiega infatti Paolisso - Avere individuato che su questo 'interruttore' cellulare agiscono i nutrienti di un'alimentazione sana e bilanciata, in cui siano abbondanti frutta, verdura, legumi, pesce fresco e cibi a basso contenuto di grassi, evidenzia il meccanismo che permette alla dieta di mediterranea di favorire la longevità ed è un'ulteriore prova della sua spiccata capacità antiaging, che si può ormai ritenere un vero e proprio farmaco".


 


Un risultato davvero notevole, non trovate?


 


via | IlFattoQuotidiano


Foto | da Pinterest di LIVESTRONG.COM 

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: