Le proprietà della camomilla nelle cure naturali

La camomilla è una pianta dalle tante proprietà benefiche, scopriamo per quali disturbi è particolarmente indicata

Camomilla.jpgE' il fiore di campo più umile e simpatico, è la margherita o fiore di camomilla, tanto presente nelle immagini della primavera, quanto utilizzato nei comuni infusi che siamo soliti gustarci per trascorrere una notte serena. Ma le virtù benefiche della camomilla non si fermano certo a quelle di blando sonnifero.


In questo fiorellino dai petali bianchi e dal caratteristico bottoncino giallo uovo sono racchiuse preziose porprietà antinfiammatorie e lenitive. Vediamo quali prodotti a base di camomilla possiamo usare per le nostre cure naturali.

Siamo abituati a considerare questo fiore unicamente sotto forma di tisana, ma i suoi tanti principi attivi sono piuttosto concentrati nella tintura madre, che troviamo in erboristeria, dotata di potenti virtù antinfiammatorie medicamentose. Si ottiene lasciando macerare il fiore intero a freddo in alcool puro. Per quali affezioni possiamo adoperare la tintura madre di camomilla? Ad esempio per curare le gengive gonfie e sanguinanti (un sintomo tipico di gengivite). Basterà intingere un cotton fioc nella tintura madre e delicatamente passarlo sulla parte infiammata. L'azione lenitiva e il conseguente sollievo sono immediati, e se effettueremo l'operazione per qualche giorno potremo accelerare il processo di guarigione.


Molto efficace e curativo anche l'olio essenziale, dall'intenso profumo (che non tutti amano), che possiamo ugualmente trovare in erboristeria o in farmacia. Come e per cosa usarlo? Per le patologie cutanee di natura infiammatoria, ad esempio. Parliamo di problemi diffusi come dermatite, eczemi, acne. L'olio essenziale di camomilla, con il suo effetto sfiammante e lenitivo, contribuirà a migliorare l'aspetto della nostra pelle e attenuerà prurito e rossore. Dovremo usare qualche goccia non in purezza ma mescolato con altri oli adatti alla pelle come quello di iperico, e far agire per almeno 20 minuti, prima di risciacquare. Questo tipo di maschera ha anche un effetto anti-age, per questo, se il nostro problema è la cute secca e tendente alle rughe, procuriamoci un olio di bellezza nutriente come quello al germe di grano e mescoliamolo sempre con poche gocce di olio essenziale di camomilla. La nostra pelle ci apparirà più splendente e come ringiovanita, e i piccoli rossori attenuati.


Infine... le classiche bustine. Un infuso di camomilla è indicato per tutti i mali di stomaco, dalla dispepsia alla gastrite, dal gonfiore all'acidità. Notorio, poi, è potere rilassante della camomilla, che concilia il sonno di grandi e piccini, un po' meno noto l'effetto lenitivo e antinfiammatorio sulle infezioni oculari. Se soffriamo di congiuntivite o di orzaiolo, possiamo accelerare il processo di guarigione e alleviare i sintomi con impacchi caldi di camomilla. Se, invece, il nostro è piuttosto un problema estetico, ad esempio i classici occhi gonfi al mattino, possiamo ridurre le borse con i filtri di camomilla usati che applicheremo ben freddi (meglio se usciti dal frigo) sugli occhi. Tempo un quarto d'ora il nostro sguardo riacquisterà il consueto splendore!


 


 


Foto| di Vera Kratovchil per Publicdomainpitures

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: