Gli alimenti ricchi di selenio per integrare la dieta

Il selenio è una sostanza antiossidante indispensabile per la nostra salute. Vediamo in quali alimenti si trova per impostare la nostra dieta

Alimenti-ricchi-di-selenio.jpgTra le sostanze di origine alimentare di cui il nostro corpo necessita per mantenersi sano e in forma c'è anche il selenio. Si tratta di un minerale presente nel terreno, un oligoelemento che entra in circolo nel nostro organismo attraverso  una sana alimentazione, svolgendo una cruciale funzione antiossidante.


Esso, in associazione con altre molecole come la vitamina E, protegge le mebrane delle nostre cellule e combatte i radicali liberi che sono la principale causa di invecchiamento e degenerazione cellulare. Insomma, un vero paladino del nostro benessere, ma anche della nostra bellezza e giovinezza.

Il nostro fabbisogno quotidiano di selenio è di circa 55 mg, una quantità che si può facilmente raggiungere attraverso una dieta ben bilanciata oppure con l'assunzione di integratori alimentari, efficaci in caso di carenza. Infatti se il nostro corpo non riceve la sua "dose" giornaliera di questo antiossidante, alla lunga può manifestare sintomi come astenia e debolezza, deficit mnemonici, disturbi della tiroide, problemi della pelle, minore resistenza alle infezioni, alitosi, irritabilità, disturbi all'apparato gastrointestinale.


Il selenio rinforza, infatti, le nostre difese immunitarie proteggendoci anche dalle malattie stagionali, riduce il rischio di infiammazioni, è indispensabile per mantenere agile il nostro cervello e giovane la nostra epidermide. In quali cibi possiamo trovare il selenio necessario a colmare il nostro fabbisogno? In primo luogo negli alimenti di origine animale, tra cui:



  • Animelle e frattaglie

  • Pesci, crostacei e soprattutto frutti di mare come ostriche e vongole

  • Carne di tutti i tipi

  • Uova

  • Latticini e formaggi in particolare


Tuttavia, anche molti alimenti di origine vegetale sono ricchi di selenio, tra questi la fonte maggiore (e migliore), sono i cereali, in particolare:



  • Frumento

  • Crusca e germe di grano

  • Kamut

  • Orzo


Inoltre:



  • Noci brasiliane

  • Semi di senape


Quanto a frutta e verdura, il loro contenuto in selenio è molto limitato, anche se alcune coltivazioni vengono effettuate in terreni più ricchi di questo minerale, come ad esempio le patate. Le persone che seguono una dieta vegetariana o vegana sono più a rischio di carenza di selenio, per questo è bene che valutino con il proprio medico se non sia il caso di assumere - magari solo per certi periodi - integratori alimentari


 


Foto| di Kondo Yukihiro per Publicdomainpictures

  • shares
  • Mail